Rihanna, forme voluttuose a vista e una confessione sulla sua verginità

C’è ancora chi la critica per le sue forme più “voluttuose” che mai, ma Rihanna va dritta per la sua strada, lastricata di successi e sfoggia con orgoglio le sue curve. Alla presentazione della sua nuova linea di cosmetici eccola in total yellow con corpetto trasparente, lunga gonna e sandali lace up che le si avvinghiano fin sopra alle cosce. Gambe, formose, in vista in lunghi stivali a pois che arrivano quasi all’inguine anche all’uscita da un party newyorchese.

C_2_fotogallery_3082413_8_imageLa bella barbadiana non guarda in faccia nessuno, del suo corpo va fiera e della sua carriera, che spazia in ogni campo, anche. Così mentre passa con nonchalance dal cinema (In “Valerian”, ndr) alla moda si concede anche ben 3 copertine su Elle Usa con servizio fotografico e interviste da diverse star suoi amici come Tyra Banks, Eminem, Venus Williams, Zac Posen, Pharrell Williams o David Copperfield. Alla domanda di quest’ultimo su dove vorrebbe trovarsi se, con uno dei suoi trucchi, lui potesse farla tornare indietro nel tempo, la sexy RiRi ha risposto: “A dieci minuti prima di quando ho perso la verginità”.

Beyoncè tradita e umiliata, la confessione del marito Jay-Z nelle sue canzoni

Un anno fa Beyoncé sfogava tutta la sua rabbia contro il marito Jay-Z che l’aveva tradita e umiliata. “Chi c… credi che sia? Non hai sposato una str… qualunque/ Sono un drago che alita fuoco e fiamme/ So che stai mentendo… perderai tua moglie”, cantava. Oggi è lui a farle una dedica in musica chiedendole perdono.

jay_01110025In “Lemonade” Beyoncé attaccava il marito canzone dopo canzone. Ora Jay-Z, canzone dopo canzone le chiede scusa. “4:44” è il nuovo album del rapper e un disco in cui ammette i suoi tradimenti e chiede mille volte scusa alla moglie. “Se i miei figli sapessero/ Non so davvero cosa farei/ Se non mi guardassero più allo stesso modo/ Probabilmente morirei di vergogna” E poi: “Cosa c’è di buono in un ménage à trois se hai un’anima gemella? / Hai rischiato per Blue (Blue Ivy è la loro prima figlia?”.

Lory Del Santo, incredibile gaffe sul padre di suo figlio. Scoppia la risata tra il pubblico

Lory Del Santo spiazza tutti con la sua risposta a Barbara D’urso. La risata tra il pubblico scoppia in pochi istanti. C’è già chi lo definisce il momento top del 2017. Ecco cosa è accaduto a Domenica Live.
Ospite di Barbara D’Urso nell’ultima puntata di Domenica Live, andata in onda il 22 gennaio, Lory Del Santo ha fatto divertire parecchio gli spettatori sintonizzati su Canale 5 a cui ha raccontato – tra una gaffe e l’altra – qualcosa in più del suo passato e del padre di suo figlio.

sport_gossip_del_santo-2

La conduttrice ha fatto sapere alla regista di The Lady, giunto alla terza edizione, che l’ex compagno Silvio Sardi ha chiesto visibilità al suo programma per svelare dettagli interessanti sulla presunta relazione che Lory avrebbe avuto in passato con Donald Trump.
“Chi sarebbe?” ha spiazzato tutti l’ex concorrente di Pechino Express suscitando ilarità in studio. “Come chi sarebbe – ha risposto altrettanto smarrita Barbara D’Urso – Ci hai fatto un figlio insieme”.
Il figlio in questione – per chiarire le avventure dell’ospite di Domenica Live – si chiama Devin Arnold, è il suo secondogenito e vive in America dove pare faccia il fotografo. Devin è stato concepito poco dopo la tragica morte del primogenito Conor, nato dalla relazione tra la Del Santo e Eric Clapton.
Lo scambio di battute è terminato quando Lory ha ammesso: “È successo una vita fa. Non saprei riconoscerlo, non saprei chi è, ma è il padre, è un caso ma lo è. Mi fa piacere però che sia ancora vivo”.
Inutile dire che la confessione ha mandato in tilt il web; c’è chi ha cinguettato: “Sarà contento il figlio della del santo di sentirsi dire “che è stato concepito per caso con uno sconosciuto”, chi ha scritto “Nostra signora del Trash. Colei che non sa chi sia il padre dei suoi figli.

 

Madonna, la confessione choc: “Sono stata violentata e insultata”

Madonna incarna da sempre l’ideale di ‘star’ per antonomasia: talento musicale e eccessi, da sempre protagonisti della sua straordinaria carriera. Lady Ciccone, in occasione della cerimonia di premiazione dei Billboard Women in Music, l’evento annuale di Billboard dedicato alle donne che hanno lasciato il loro segno nel mondo della musica, ha pronunciato delle parole di commozione, andando ad affrontare alcuni lati non troppo luminosi della propria vita.

cut1340620728350.jpg--

“Grazie per avermi riconosciuto il merito di continuare a portare avanti la mia carriera da ormai 34 anni, nonostante la palese misoginia e il bullismo che molto spesso mi sono trovata a dover affrontare. Quando ho cominciato sono stata subito definita un’icona gay e a quei tempi non era una cosa sicura. New York era spaventosa e nel mio primo anno lì sono stata violentata e aggredita, nei successivi ho perso tutti i miei amici per AIDS o per colpi di pistola”. Madonna fa una carrellata su tutti i suoi colleghi prematuramente scomparsi: “Tutti dicono che sono controversa, ma la cosa più controversa che io abbia mai fatto in realtà è restare qui. Michael Jackson se n’è andato, Tupac è volato via, così come Prince, David Bowie e Amy Winehouse. Io sono ancora qui, in piedi. Ogni giorno ringrazio per questa benedizione”.  Infine, il grande tributo a David Bowie: “La mia vera fonte di ispirazione è stata David Bowie. Incarnava lo spirito maschile e femminile e questo si adattava perfettamente a me. Mi ha indotto a pensare che non ci fossero regole. Ma sbagliavo: non ci sono regole se sei un maschio. Ci sono regole se sei una ragazza. Se sei una ragazza devi stare al gioco. Ti è concesso essere carina, graziosa e sexy. Ma non puoi sembrare troppo intelligente. Non puoi avere un’opinione che esula dal pensiero comune. Ti è concesso essere trattata come un oggetto dagli uomini e vestirti come una sgualdrina, ma non puoi rivendicare la tua sgualdrinaggine”, ha concluso.

Lady Gaga choc: “Violentata a 19 anni, da allora soffro di un disturbo mentale”

«Devo togliermi il peso di questo segreto, perché per anni non mi ha aiutato con la malattia e mi ha tormentato facendomi vergognare». Inizia così la confessione choc di Lady Gaga, a due anni di distanza da quando, in un’intervista, svelò di essere stata stuprata a 19 anni. A riportarla sia Today.com, sia Usa Today.

landscape-1441287467-hbz-lady-gaga-index-755x490

«Ho una malattia mentale e devo confessarlo, ora lo dico anche ai ragazzi che conosco prima di frequentarli» – ha dichiarato la cantante italo-americana alla trasmissione Today sulla NBC – «Da quando ho subìto quella violenza soffro di stress post-traumatico e questo ha reso la mia vita ancora più complicata. Fu un periodo terribile, ne uscii solo con terapie fisiche e mentali. A salvarmi la vita sono stati la gentilezza dei medici e l’affetto di chi mi circonda».

Il medico di Michael Jackson: “Io solo un capro espiatorio, i veri responsabili sono i suoi familiari!”

Fa scalpore la confessione di Conrad Murray, il medico di Michael Jackson, che per la prima volta racconta la sua verità sulla morte del cantante in esclusiva su Chi. Condannato a 4 anni per negligenza e accusato di aver abbandonato la popstar la sera in cui morì, dopo un’iniezione di sonnifero Murray rivela: “Io gli ho somministrato un sonnifero leggero. Non può essere morto per quello. Michael era dipendente da un forte antidolorifico che gli prescriveva di nascosto un altro medico”.

0N5JpdL

E sulla sua famiglia aggiunge: “Era circondato da parassiti e da piccolo è stato violentato…”.Parole pesanti, che gettano ombre sulle verità finora diffuse. Murray ha appena pubblicato un libro negli Stati Uniti, intitolato “This is it” (Così è) in cui racconta la sua versione dei fatti e fa delle rivelazioni esplosive sulla martoriata vita di Michael Jackson. “Hanno preferito incastrare me perché così si dimenticava la famiglia Jackson e tutto quello che aveva fatto subire a Michael per anni”, spiega: “Dal momento in cui fossi stato dichiarato colpevole la famiglia avrebbe potuto rivalersi sulla casa di produzione che mi aveva assunto e chiedere un indennizzo milionario. La sola cosa che conta in quella famiglia sono i soldi”.
E aggiunge: “Hanno voluto che fossi io il capro espiatorio per la morte di Michael Jackson. Nei giorni precedenti alla sua scomparsa Michael ballava sei ore al giorno e non si alimentava. Era un uomo di 50 anni in uno stato di spossatezza estrema. Era completamente insonne. Quella sera mi aveva chiamato per aiutarlo a prendere sonno visto che, a forza di non dormire, stava impazzendo. Io gli ho somministrato un sonnifero leggero. Non può essere morto per quella sostanza. In realtà Michael era dipendente da un forte antidolorifico che gli prescriveva di nascosto un altro medico. Ha avuto un arresto cardiaco procurato da questo farmaco, lo stesso che ha ucciso Prince. Ma tutto questo al processo non è venuto fuori, perché era più facile incastrare me, il suo medico”.
Murray fa rivelazioni terribili proprio sulla vita privata del cantante: “Era circondato da parassiti che avevano in testa una sola idea: estorcergli più denaro possibile. Quando era piccolo, ma era già una star, la casa discografica, con l’appoggio del padre Joe Jackson, aveva voluto fargli delle iniezioni di ormoni perché non uscisse dalla pubertà e mantenesse la voce da bambino”.
E Murray fa anche chiarezza sulla sessualità del celebre cantante, che fu anche accusato di pedofilia, puntando il dito ancora una volta contro il clan Jackson: «Michel era eterosessuale. Amava le donne, ma era molto timido. Con Lisa Marie Presley ha avuto una vera relazione e, a suo parere, era lui stesso il solo responsabile del fallimento del matrimonio. Michael era molto innocente. Da giovane era stato violentato all’interno della sua stessa famiglia e questa tragedia lo ha traumatizzato per tutta la vita”.