Guendalina Canessa e l’arresto di Alessio Lo Passo: “Ecco come sono andate le cose”

“Sabato siamo andati insieme a Monza da Milano: era stata una giornata serena, fino a quando non è successo il fattaccio”.
Guendalina Canessa racconta l’arresto di Alessio Lo Passo in seguito a una condanna definitiva: “L’ho vissuto in prima persona senza capire – ha raccontato a “Visto” – Dopo aver presenziato all’inaugurazione del negozio, in un clima molto carino, siamo saliti in auto per tornare a Milano. Io non volevo far tardi perché a casa mi aspettava mia figlia Chloe, ma per fortuna eravamo in perfetto orario.

2418841_1702_guendalina_canessa_alessio_lo_passo

Alessio guidava, accanto a lui c’era Lele e dietro c’eravamo io e un loro amico. A un certo punto ci siamo accorti che c’era una macchina dei Carabinieri che ci seguiva, con i lampeggianti accesi. Così ci siamo fermati e un carabiniere ha chiesto ad Alessio patente e libretto di circolazione”.
Le cose sembravano andare bene: “Ho pensato al solito controllo dell’alcol test, ma ero serena perché lui aveva bevuto solo acqua minerale, come suo solito, Poi però il carabiniere ha invitato Alessio a seguirlo. In quel momento ho capito che la situazione sarebbe andata per le lunghe, ma continuavo a non immaginare quello che poi sarebbe successo. Lele Mora, infatti, mi aveva detto che Alessio aveva cambiato residenza, che per questo motivo non aveva ricevuto dei documenti e che con tutta probabilità l’avevano trattenuto per sistemare la questione”.
Guendalina è tornata a casa grazie a un passaggio e ha saputo dell’accaduto: “Gli ho mandato un messaggio sul cellulare per sapere se fosse tutto a posto, ma non ho ricevuto risposta e solo il giorno dopo, leggendo i giornali, ho saputo dell’arresto”.

Guendalina Canessa e l’arresto di Alessio Lo Passo: “Ecco come sono andate le cose”ultima modifica: 2017-05-05T01:03:43+02:00da giulia7517
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento