Morto Johnny Hallyday, icona del rock francese

È morto questa notte Johnny Hallyday, una delle icone della musica francese. Il cantante e attore, scrivono i media locali, si è spento a 74 anni. Nel marzo scorso la rockstar aveva rivelato di avere un cancro ai polmoni. Ad annunciare la morte del cantante è stata sua moglie Laeticia in un comunicato affidato all’agenzia Afp. «Johnny Hallyday se ne è andato – ha scritto la donna -. Scrivo queste parole senza crederci. Ma a ogni modo è così. Il mio uomo non c’è più. Ci ha lasciati stanotte così come ha vissuto per tutta la sua vita, con coraggio e dignità».

FILE PHOTO: French singer Johnny Hallyday waves to fans attending a ceremony to promote his new album "Jamais seul" (Never alone) at the Virgin Megastore in Paris early March 28, 2011. REUTERS/Charles Platiau/File Photo - RC1D5894A250

Un mese fa, scrive ‘Le Mondè, l’artista era stato ricoverato per problemi respiratori e dopo sei giorni passati nella clinica Bizet a Parigi, aveva deciso di tornare a casa, a Marnes-la-Coquette. Johnny Hallyday, pseudonimo di Jean-Philippe Smet, era nato il 15 giugno 1943 a Parigi da padre belga e madre francese. Iniziò la sua carriera negli anni ’60 e in patria è considerato uno dei più grandi artisti dell’industria discografica. In una nota pubblicata stanotte, il presidente francese Emmanuel Macron ha espresso il suo cordoglio per la morte del cantante. «Tutti ci portiamo dentro qualcosa di Johnny Hollyday» ha detto Macron. In oltre 50 anni di carriera, Hallyday ha venduto oltre 100 milioni di dischi, sfornando successi come ‘Ma guelè, ‘Oh, ma jolie Sarah’ e ‘Que je t’aimè.

80mila euro di cachet, Gigi DʼAlessio: “Canto io ma mangiamo in 400”

Il cantante spiega come solo una parte dei soldi resta in tasca sua: “16mila euro vanno allo Stato, e poi ci sono i musicisti, i fonici…”. Lʼopposizione: “60mila euro da imputare al bilancio comunale”
Dopo le polemiche sul maxi-cachet di 80mila euro pagati per averlo in concerto, Gigi D’Alessio risponde dal palco di Pratola Serra (Avellino).

C_2_articolo_3092912_upiImagepp“Ricordatevi che qua stiamo sempre uno a cantà e 400 a mangià” – dice il cantante, che spiega come quella cifra non finisce interamente nelle sue tasche. “16mila vanno allo Stato, all’Iva”, mentre un’altra parte serve per pagare gli addetti ai lavori (come “la sicurezza, i musicisti, i fonici”).
Gli 80mila euro – che secondo D’Alessio sono “soldi offerti da 42 sponsor”, poiché “il Comune non ha tirato fuori un euro” – servirebbero altresì ad allestire “il palco” e impiegare “i furgoni”, “i camion”, nonché a pagare “gli alberghi, l’Enpals, la Siae”. La polemica sul maxi-cachet era stata sollevata sul piano politico dall’opposizione (“Hanno pagato i cittadini”) dell’amministrazione comunale vigente di Pratola Serra, guidata dal sindaco Emanuele Aufiero.
L’opposizione: “Il concerto costa 90mila, di cui 60mila imputabili al Comune” – In una nota, il gruppo di opposizione “Siamo Pratola Serra” è ritornato sul costo del concerto di Gigi D’Alessio, sottolineando come sia vero che “uno canta e quattrocento magnano”, ma anche che “i cittadini di Pratola Serra pagano”.
I soldi impiegati per permettere l’esibizione live ammonterebbero “a oltre 90 mila euro”, di cui “circa 60mila da imputare al bilancio comunale”, “mentre il cantante parla di soli 80mila”. Invocando trasparenza sui soggetti che hanno finanziato l’evento musicale, il gruppo sottolinea che gli “sponsor e relative somme versate non coprono affatto l’intero costo del concerto”, ma un totale di “32.600,00 euro”.

Levante: “Con il mio show voglio far ballare anche chi non mi conosce”

La sua “Pezzo di me” ha spopolato in radio e il tour “Estate nel caos” è stato uno dei più apprezzati dal pubblico. Il 2017 è l’anno di Levante, che da settembre sarà anche giudice a X Factor, una delle protagoniste dell’ultima giornata dell’Home Festival di Treviso. “Salirò sul palco con li mio spirito agguerrito per far saltare anche chi non mi conosce… o vorrebbe non conoscermi!” dice a Tgcom24.

C_2_articolo_3092348_upiImageppReduce dal successo al Carroponte a Milano, Levante si troverà sul palco insieme a grandi nomi del rock alternativo, tanto italiani, come Afterhours, Luci della centrale elettrica, Mannarino e Marra/Guè, che internazionali, dai Charlatans ai Libertines. Per lei sarà l’ennesima tappa di un’estate da ricordare.

Come è andata la tua estate nel caos?
La mia estate nel caos è stata favolosa. Il tour è andato davvero tanto bene e sono molto felice di aver dato spazio anche al Sud, con delle tappe importanti tra Campania, Puglia, Calabria e Sicilia.

Arrivi dal successo del tuo ultimo album e sei pronta a una nuova esperienza in tv. In che momento ti senti nella tua vita?
E’ un momento di continua evoluzione, sento che i sogni per i quali ho lavorato una intera vita stanno trovando la loro collocazione nella realtà. Ma sono una sognatrice incontentabile per cui… mi sento sempre all’interno di una rivoluzione infinita.

C’è qualcosa che ti manca ancora?
Tutto. Come ti dicevo… mi manca sempre tutto, anche quando ottengo le cose, faccio in modo di avere qualcosa in più, da me stessa.

Sarai all’Home Festival. Cambia il tuo approccio in un festival dove sai di trovarti di fronte a gente che magari non è lì per te o non ti conosce?
Onestamente no, salgo con il solito spirito agguerrito… forse una piccola parte di me sogna di far saltare ed entusiasmare anche chi non sa chi sono, o chi non vorrebbe saperlo (ride – ndr).

Qual è il tuo X factor?
Me stessa. Diffidate dalle imitazioni.

Morto Chester Bennington, il cantante dei Linkin Park si è impiccato in casa

NEW YORK – Chester Bennington, il cantante dei Linkin Park, si è suicidato impiccandosi nella sua abitazione in California. Un suicidio che arriva in quello che sarebbe stato il giorno del 53mo compleanno del suo amico, il cantante Chris Cornell che si è tolto la vita in maggio, impiccandosi. Una morte che lo aveva sconvolto: «Non posso immaginare un mondo senza di lui» aveva detto.

chester_20204804Proprio la moglie di Cornell, Vicky, è una delle prime a commentare la sua morte. «Proprio quando pensavo che il mio cuore non potesse spaccarsi di nuovo.. Ti voglio bene».
A trovare il cadavere di Bennington è stato uno dei suoi collaboratori, giunto nella sua abitazione nelle prime ore della mattinata. Il cantate era solo in casa, con la famiglia fuori città. Le autorità, allertate subito dopo la scoperta, hanno avviato le indagini.
Bennington aveva 41 anni e 6 figli, avuti da due diversi matrimoni. Il cantante aveva avuto per anni problemi di alcol e di abuso di droghe e aveva ammesso in passato di aver considerato il suicidio.
Bennington aveva ringraziato più volte la musica per ‘averlo salvatò: «senza sarei morto. Al 100%» aveva detto in un’intervista a Rock Sound. «Siamo scioccati» afferma Mike Shinoda, uno dei fondatori dei Linkin Park, gruppo che ha venduto 10 milioni di copie dell’album del debutto nel 2000, ‘Hybrid Theory’. Ampio successo di pubblico la band l’ha ottenuto anche con ‘meteorà nel 2003 vendendo 4 milioni di copie.
Il loro lavoro più recente, ‘One More Light’, è stato lanciato in maggio: si è trattato di un album che ha diviso i fan, molti dei quali critici dell’eccessivo pop sposato dal gruppo, anche se ha conquistato la vetta della classifica Billboard 2000. La band era attualmente in tour, e il prossimo concerto era in programma a Mansfield, in Massachusetts.

Robbie Williams completamente nudo sulla cover del nuovo album

Mentre allo Stadio Bentegodi di Verona è tutto pronto per accoglierlo, il 14 luglio per l’attesissimo concerto già tutto esaurito, Robbie Williams sorprende i suoi fan mostrandosi completamente nudo sulla cover del suo nuovo album “Under The Radar Volume 2” in uscita entro l’anno e in pre-order sul suo sito. L’irriverente popstar lo ha annunciato con un video su YouTube: “È una raccolta di canzoni di cui sono estremamente orgoglioso ma che non ho incluso nei precedenti album…”.

C_2_articolo_3083518_upiImageppUno scatto da dietro, senza veli, mentre si arrampica su un enorme albero, così Robbie Williams si presenta ai fan sulla copertina di “Under The Radar Volume 2” e nel video in cui ne annuncia l’uscita spiega che si tratta di canzoni mai pubblicate, di cui va molto orgoglioso: “Sono straordinarie, ma non sono mai state pubblicate perché succede che ci si perda nei vicoli del ‘questa dev’essere per forza una hit o tutti moriranno’. Così, preso da questi stati d’animo, molte grandi canzoni vanno perse. Ma ora eccole qui!”.

Beata Beatz, dalla Baviera all’Italia: “Mi manda il rapper Gué Pequeno”

NAPOLI – E’ popolarissima in Germania e ora prova a sfondare anche in Italia. E’ la popstar polacca ma tedesca adottiva, Beata Beatz che ha scelto di imparare la lingua italiana proponendosi con il brano “Speed of Light”, assieme al rapper Gué Pequeno: attraverso questo brano, l’artista tedesca ha unito pop a rap, con una forte componente sensuale, come dimostra il suo look. «Ho sempre sognato di esportare la mia musica anche in Italia – afferma la Beatz – conosco il pubblico italiano perchè mi sono spesso esibita in Italia.

beata-1Conobbi Gué Pequeno attraverso il mio manager Milena Lardizzone e abbiamo subito avvertito una forte sintonia interpretando quel brano. La lingua italiana è musicale ed “emozionale” rispetto a quella tedesca. In Italia si canta anche quando si parla, è una lingua meravigliosa. La cantante, già ospite di Barbara D’Urso a “Domenica Live” su Canale 5, dallo scorso mese è in tour attraverso il quale sta lanciando il suo nuovo lavoro discografico dal titolo “#I Am”, ma da tempo sta affiancando anche “I Desideri”, i fratelli di Marcianise Salvatore e Giuliano vincitori del “Wind Summer Festival-Giovani” su Canale 5, con i quali ha inciso il singolo “Stay with me”. Le tappe dei prossimi appuntamenti musicali dal vivo di Beata Beatz sono il 15 al “Rewe Family Festival” di Jengen in Baviera, il 29 al “Just Cavalli” di Porto Cervo, il 30 alla spiaggia “Isla Bonita” di Salerno, il 31 a Recale con “I Desideri”.

Yamamay, per Vasco il reggiseno da collezione

”Si vedono solo con lo scorrimento lento” scriveva Vasco nel 1999. E mai avrebbe pensato che le immagini di Rewind girate al Vasco Rossi Modena Park sarebbero davvero diventate virali. Viste e riviste anche con lo “scorrimento lento” a caccia dei topless che hanno movimentato la performance e spiazzato la regia di Rai1 che non ha fatto in tempo a censurare.

C_2_box_36311_upiFoto1FComplici di questo insolito flash mob dei record i 5mila reggiseni Yamamay regalati poco prima del concerto. Un’operazione concordata con il fan club del Blasco che pare abbia partecipato autoproducendo ulteriori 5mila capi. Unico dictat la scritta “Fammi godere” su reggiseni bianchi di grandi dimensioni.
Ma a differenza di quanto si immagina, i reggiseni non sono stati lanciati verso il palco, bensì indossati, sventolati, agitati e “condivisi” solo sui social network. Sono infatti pezzi unici, da collezione, che non verranno distribuiti in negozio. Chi se l’è accaparrato se lo terrà ben stretto.
Oltre alle migliaia di reggiseni distribuiti per coprire le prime file, alcuni sono stati regalati agli ospiti vip. Molti hanno contribuito alla riuscita dell’operazione via social, con tanto di scatto e hastag correlato. Prima fra tutti Maddalena Corvaglia, che non ha esitato a posizionare l’iconico reggiseno persino sopra i glutei.

Mariah Carey, che imbarazzo! Shopping sfrenato a Beverly Hills ma le carte di credito vengono rifiutate

Momenti di bruciante imbarazzo per Maria Carey, che si è vista le sue carte di credito rifiutate per ben quattro volte durante un giro di shopping nell’elegante Rodeo Drive di Beverly Hills.
E’ stato il sito di pettegolezzi Radar Online a raccogliere la ricostruzione che alcuni testimoni e dipendenti delle boutique hanno fatto dell’incidente. La cantante era entrata nella boutique di Louis Vuitton, dove è avvenuto il primo rifiuto delle sue carte. Ha reagito con naturalezza, senza impensierirsi, sostenendo che doveva trattarsi di un errore. Ma il rigetto è avvenuto altre tre volte, e a quel punto i testimoni dicono che Mariah era molto imbarazzata e irritata.

Schermata-2017-03-27-alle-16.02.21-e1490623446250

E’ arrivata la sua assistente, Stella Bulochnikov, che ha risolto i problemi pagando gli acquisti in contante. Ma Mariah si è sfogata, a quanto pare sostenendo che i problemi con le carte di credito erano colpa del suo manager, che evidentemente non aveva eseguito i debiti pagamenti in tempo. La cantante sembra anche convinta che il suo manager non stia facendo abbastanza per vendere i biglietti del suo tour estivo con Lionel Richie. Il tour comincia alla fine di luglio, a Oakland, in California. E’ stato Richie a invitare Carey a unirsi a lui, anche se la presenza della 47enne diva complicherà l’organizzazione: “Mariah porterà con se il suo entourage, ma volevo che si sentisse nel suo elemento. Farà quel che le dive fanno. Immagino che solo per lei ci vorrà un camerino grande come l’intero stadio”. Mariah Carey è una delle cantanti più “vendute” della storia. Negli anni Novanta e nel Duemila ha battuto ogni record. Ma ultimamente i successi sono scarseggiati, mentre le sue abitudini spendaccione non sono affatto diminuite. E anzi pare che siano state la causa del fallimento della relazione con il miliardario australiano James Packer. Per quanto ricco a palate, davanti alle spese pazze della fidanzata, Packer è andato innervosendosi sempre di più. E pur dopo averle regalato un anello di fidanzamento da dieci milioni di dollari (un diamante da 35 carati), e aver programmato nozze da sogno a Bora Bora, con un abito da sposa appositamente disegnato dalla Maison Valentino e valutato intorno ai 250 mila dollari, Packer ha puntato i piedi. Non si sa se sia stato lui o lei a chiudere il rapporto, ma lo scorso ottobre la coppia è scoppiata, e Mariah ha espresso la sua opinione della relazione bruciando l’abito da sposa nel suo ultimo video. Mariah ha anche chiesto all’ex fidanzato di rimborsarla dei sacrifici fatti per lui con un pagamento di 50 milioni di dollari. La diva sostiene infatti che per stargli vicino, lei ha lasciato New York e si è trasferita a Los Angeles, cambiando stile di vita e allontanandosi dagli amici e dalla sua amata città.
Da ottobre, Mariah si è dedicata al suo nuovo programma, un reality dal titolo “Mariah’s World”, e ha trovato un altro boy-toy, il 33enne coreografo Bryan Tanaka.

Concerto Vasco, ragazze in topless e reggiseno ballano “Rewind”: i video sui social

Parte “Rewind” e il ritornello “Fammi vedere, fammi godere”, e le ragazze del pubblico si scatenano. Momento hot durante il mega concerto di Vasco Rossi a Modena con le sue fan in delirio che si sono spogliate rimandendo in reggiseno e molte addirittura in topless.
Le immagini sono state trasmessa anche in diretta Rai. Un successo incredibile che ha scatenato la trasgressione di diverse fan, alcune con reggiseno con tanto di scritta “Fammi godere”.

DDrWejSXsAEteIw_censored4Un vero e proprio Flash Mob organizzato dalla gruppo di Vasco Rossi. Sono stati infatti venduti come gadget i reggiseni bianchi che stanno spuntando su tutti i social. Le ragazze li hanno indossati durante la celebre canzone Rewind, molte di loro se lo sono slacciato restando in topless.
ASCOLTI, OLTRE 5,5 MLN PER VASCO ROSSI SU RAI 1 ROMA Straordinario successo per la trasmissione in diretta dedicata al concerto di Vasco Rossi andato in onda ieri sera su Rai1: lo spettacolo condotto da Paolo Bonolis ha totalizzato il 36,14 di share con 5 milioni 633 mila spettatori medi. Dopo la mezzanotte il concerto di Modena Park ha avuto una media del 44.8 di share con 4 milioni 739 mila spettatori.

Gianni Morandi precipita giù dal palco mentre canta “Mi fai volare” con Rovazzi

PALERMO – Brutta caduta per Gianni Morandi, volato giù dal palco mentre cantava “Mi fai volare” con Fabio Rovazzi.
Al concerto di Radio Italia a Palermo il cantante stava indietreggiando sulle note della canzone quando con un piede è precipitato nel vuoto.

Gianni Morandi precipita giu dal palco mentre canta Mi fai volare con Rovazzi_01161852Morandi è uscito indenne dall’incidente dopo che le persone lo hanno aiutato a risalire e da vero showman ha continuato a cantare. Dopo l’esibizione sul palco del Foro Italico a Palermo ha anche accennato qualche verso di alcune sue storiche canzoni.
Secondo indiscrezioni circolate successivamente nel backstage, Morandi potrebbe essersi slogato una caviglia. Nel frattempo sui social la notizia e le immagini non sono passate inosservate. “Gianni Morandi prende troppo sul serio le sue canzoni”, “Morandi interpreta le canzoni… alla lettera”, e poi “Gianni insegnaci a essere immortali”.