“Fedez menestrello dei No Expo, ispiratore dei black bloc”: Filippo Facci condannato per diffamazione, ecco quanto dovrà pagare

Il Tribunale di Milano ha condannato in sede civile al pagamento di 8mila euro, più le spese processuali, il giornalista Filippo Facci, e Facci in solido con il quotidiano Libero, con l’allora direttore Maurizio Belpietro, a risarcire altri 4mila euro, per alcune dichiarazioni e un articolo di Facci ritenuti diffamatori nei confronti del rapper Fedez definito «menestrello» dei No Expo nell’occasione degli incidenti che si verificarono il giorno dell’inaugurazione dell’esposizione internazionale.

3529577_1927_collage_2018_02_05Fedez, difeso dall’avvocato Cristiano Magaletti, aveva promosso il giudizio perché riteneva fosse stato diffamato su Twitter, durante la trasmissione radiofonica «La Zanzara» e nell’articolo «Niente da capire», sempre da Facci, per essere stato individuato come colui che avrebbe appoggiato e aizzato la violenza dei Black Bloc.

Il giudice Loretta Dorigo ha rilevato come fossero «dal tono fortemente aggressivo, quasi da hater» espressioni come: «È ufficiale. Fedez è un cretino; pazienza, è un modo di farsi notare… ed è un modo di schierarsi coi minorati che ieri hanno imbrattato muri e danneggiato vetrine. I decerebrati NoExpo hanno il loro menestrello. È un tamarro di Rozzano». Fedez – come sottolinea il suo legale – aveva deciso di ignorare, di non reagire e di non commentare le dichiarazioni del giornalista, ponendo la questione al vaglio degli organi giudiziari.

Sanremo, Baglioni scherza con Fazio: “Mi stai facendo venire l’ansia. Fiorello? Vuole togliersi il pensiero…”

Il «terrore» della vigilia, «il panico, la tachicardia, la salivazione inesistente, i piccoli tremori diffusi»: Fabio Fazio, per quattro volte padrone di casa al Festival di Sanremo, introduce così, raccontando la paura del conduttore, il collegamento dall’Ariston con Claudio Baglioni, questa sera a Che tempo che fa. E Baglioni di rimando: «Ero tranquillissimo prima di questo tuo pistolotto, adesso mi ha invaso un’ansia alta come i palazzi di periferia».

3527600_2123_baglioni_e_fazio1_620x350«Chi vince? Io avrei vinto volentieri – scherza Baglioni rispondendo alle domande di Fazio – ma c’è un conflitto di interessi enorme. Pur essendo il ‘dittatore artisticò, almeno devo far vincere qualcun altro». All’Ariston, confessa, «non è facile, neanche essere dittatori». Al festival due volte come ospite, nel 1985 con Pippo Baudo conduttore per festeggiare Questo piccolo grande amore canzone del secolo e nel 2014 con lo stesso Fazio, Baglioni festeggia quest’anno i 50 anni di carriera. «Rischio di terminarla subito dopo Sanremo», ironizza. «Dopo il festival riprenderò il mio antico mestiere, sospeso da tre mesi e mezzo». Baglioni prova a invitare Fazio («il primo peccato l’ho fatto con te, mi hai iniziato al rito della televisione», con Anima mia), ma il conduttore di Che tempo che fa risponde: «Sarà un bellissimo festival, ma quest’anno ti guarderò da casa». A chiudere il collegamento, l’ingresso in studio del premio vivente per Baglioni, Luciana Littizzetto travestita da palma di Sanremo.

«Fiorello è cocciuto e presuntuoso». Scherza ancora Baglioni in collegamento dall’Ariston con Fabio Fazio a Che Tempo Che Fa su Rai1, ma con lo showman dice che «c’è un braccio di ferro. Io vorrei che il suo intervento fosse alle 22.30, momento dell’ospite prelibato, lui invece vorrebbe fare lo scaldapubblico in apertura, cosa che a me sembra sminuente». Fiorello punta invece a «togliersi il pensiero» e, via social, ha chiesto a Baglioni: «#escimipresto, ti prego».

Rossano Rubicondi: “Ivana Trump è l’amore della mia vita”. Poi canta per lei e si commuove

«Si è parlato tanto di un matrimonio di interesse, ma non è così. In questi anni io e Ivana abbiamo dimostrato che il nostro è un amore vero, nonostante tanti periodi di crisi». Così Rossano Rubicondi, ospite di Eleonora Daniele a ‘Il Sabato Italiano’, su RaiUno, ha parlato del matrimonio con Ivana Trump, ufficialmente finito anche se tra i due l’amore è risbocciato.

russano-rubicondi-ivana-trump-amore-vero-si-commuove_27185632 (1)«Io e Ivana stiamo insieme da 19 anni, ho passato metà della mia vita con lei e senza di lei mi sento al 50%. Lei è il mio punto di riferimento, nonostante i periodi di crisi siamo sempre rimasti molto vicini» – ha spiegato il modello italiano – «Se oggi sono qui, è grazie a lei: mi ha aperto le porte del mondo, mettendo a mia disposizione la sua esperienza. Non l’ho mai tradita e non c’è mai stata una vera rottura: stiamo ancora insieme e voglio passare il resto della mia vita con lei».
Ivana, prima di sposare Rossano Rubicondi, aveva alle spalle tre diversi matrimoni, tra cui quello con Donald Trump, di cui ha voluto mantenere il cognome. Il matrimonio tra Donald e Ivana, da cui nacquero i tre figli Donald Jr., Ivanka e Eric Friederick, durò 25 anni, dal 1977 al 1992. A detta di Rossano, nonostante alcuni contenziosi legali, i rapporti tra Ivana e Donald sarebbero attualmente molto buoni.
Alla fine dell’intervista, Rubicondi ha anche iniziato a cantare ‘Grande, grande, grande’ di Mina, il brano che aveva cantato per Ivana il giorno del matrimonio. La performance, però, si è interrotta dopo appena un minuto, con Rossano che,visibilmente commosso dopo aver ricordato quel giorno, non è riuscito a proseguire.

“Ha fatto bene a lasciare Al Bano”, Loredana Lecciso difesa Rita Dalla Chiesa: ecco perché

“Chi oggi fa la ola per Al Bano e Romina, dimentica che da 20 anni la famiglia di Al Bano è un’altra”: anche Rita Dalla Chiesa commenta la rottura tra tra Al Bano e Loredana Lecciso, una storia che ha attirato l’attenzione del web e dei giornali. Il cantante è stato lasciato poco dopo l’intervista a Maurizio Costanzo, dopo che la madre di due dei suoi figli è andata via da Cellino San Marco.

rita al bano lecciso-2La conduttrice difende Loredana Lecciso approvando la sua decisione di allontanarsi da Al Bano, in un’intervista esclusiva a “Oggi”: “Siamo seri: quale donna avrebbe retto quello che sta sopportando Loredana Lecciso? Quale donna sarebbe rimasta ad assistere a un’ex moglie che rivendica in tv l’immortalità del suo ruolo?… Ha fatto bene ad allontanarsi, a sottrarsi a tutta questa pressione che potrebbe schiacciarla. Le stanno facendo del male, a lei e ai ragazzi. Non dimentichiamo che Bido e Jasmine (figli di Al Bano e Loredana Lecciso, ndr) a Cellino ci vivono, vanno a scuola, soffrono per tutto questo”.
Nell’intervista ricorda un episodio spiacevole ai danni di Loredana: “Faccio un esempio concreto: io sono stata invitata al matrimonio di Fabrizio (Frizzi, suo ex marito, ndr) e Carlotta, e non sono andata perché ritenevo dovesse essere un giorno solo loro; ma mia figlia Giulia era lì a festeggiarli… Quando due anni fa si è sposata la figlia di Al Bano e Romina, Loredana non è stata invitata… È stata una mancanza di rispetto enorme ma in quell’occasione Loredana ha dato prova di grande saggezza e di amore per Al Bano, non polemizzando, abbozzando, facendo mille passi indietro per non rovinare quel giorno speciale al suo compagno e a sua figlia”.
Infine, quella che per lei sarebbe la soluzione: “Al Bano dovrebbe dire parole nette e forti al suo pubblico, in difesa di Loredana… E chiarire una volta per tutte la situazione anche con Romina… Mi auguro davvero che accada, per il loro bene e la serenità dei loro due bellissimi figli.”

Jane Fonda senza trucco a 80 anni, il post su Instagram è divertentissimo

Jane Fonda bellissima e – soprattutto – spiritosa a 80 anni. L’attrice ha usato il suo profilo Instagram per condividere una foto della mattina dopo il red carpet del Lacma. La sera prima, truccata e vestita di tutto punto, sorrideva ai fotografi con un abito da urlo e i capelli perfetti.

Schermata-2018-01-22-alle-14.21.05-1090x550Ma la vera sorpresa è la foto della mattina dopo che mostra una Fonda sconvolta mentre si prepara un toast. Niente trucco e capelli in disordine: «Non sono riuscita a tirare giù la lampo del vestito così ci ho dormito… non ho mai sentito il bisogno di un marito nella mia vita fino a questo momento». La foto, ovviamente è stata ritwittata centinaia di volte per la gioia del popolo di internet. Qualcuno si chiede se il profilo Instagram sia realmente quello di Jane Fonda. Per tutto il resto (look senza trucco e ironia), a Jane possiamo solo dire “chapeau”.

Asia Argento risponde a Morgan sul pignoramento: “Ha ignorato i suoi doveri, io madre single in difficoltà economiche”

Risponde alle accuse di Morgan Asia Argento, dopo il pignoramento della casa per la mancanza dei pagamenti sul mantenimento della loro figlia. «Morgan ha ignorato le sue responsabilità legali e morali, vergognosamente, trascurando completamente le cure della propria figlia, lasciando tale responsabilità interamente a una madre single in difficoltà finanziarie. Ecco come è andata veramente». Sono queste le parole dell’attrice, come riporta La Stampa.

1441378032288Asia ha scritto una lettera al quotidiano in cui ha spiegato le ragioni del suo provvedimento. Morgan ha dichiarato di aver messo al mondo le sue due figlie (una con Asia, l’altra da Jessica Mazzoli) volontariamente e non per errore e di non aver mai detto nulla contro le cifre stabilite per i loro mantenimenti dai giudici. Ma l’attrice replica dicendo che lui ignora le sue responsabilità: «Lui continua pervicacemente ad ignorare le proprie responsabilità morali, prima che legali, di padre trascurando del tutto la cura di nostra figlia che oggi ha 16 anni e le cui esigenze, praticamente da sempre, ricadono soltanto su di me. Morgan conosce bene, oltretutto, le mie difficoltà lavorative, sa che io non lavoro da circa un anno e non ho mezzi sufficienti per provvedere a tutte le esigenze di nostra figlia».
Morgan parla di uno “sgarro” unico, ma Asia replica dicendo di non vedere le cifre stabilite da oltre 6 anni, poi conclude: «. Ove effettivamente esistenti tali difficoltà, Morgan ben avrebbe potuto rivolgersi al Tribunale per ottenere la modifica o la riduzione del mantenimento invece di girare le spalle alla figlia ed ignorare il provvedimento giudiziario».

Loredana Berté: “Fatta fuori da Sanremo perché non ho voluto un pezzo di Antonacci”

Che Loredana Bertè fosse tra i nomi possibili al prossimo festival di Sanremo era cosa nota, il motivo per cui è rimasta fuori lo svela lei stessa sui social, attaccando la direzione artistica, ovvero Claudio Baglioni. «Mi sono attenuta al regolamento del Festival di Sanremo presentando un pezzo al quale credevamo molto. Il giorno prima della comunicazione dei nomi dei big in gara arriva la doccia fredda: sono stata contattata dal portavoce del direttore artistico, il quale mi ha proposto una canzone di Biagio che era pervenuta alla commissione.

zio-loredana-berteAvrei dovuto provinarla in poche ore… ascoltarla, impararla, registrarla. Alla fine ho deciso di restare fedele alla mia scelta artistica, sicura che avrei dovuto rinunciare al festival».
Non cita il cognome, ma il riferimento è chiaramente a Biagio Antonacci. Quel pezzo già mi era stato proposto da Biagio stesso qualche settimana prima ed io gentilmente avevo declinato, spiegandogli che già avevo fatto la mia candidatura ufficiale», ha aggiunto la cantante. «Mi spiace per il mio pubblico che aspettava di rivedermi su quel palco, ma ho preferito essere fuori da Sanremo e non tradire il mio mondo artistico piuttosto che essere in gara con qualcosa che non mi somigliava».

“Il vecchio Morgan è morto”, all’asta tutti i suoi beni: le spiegazioni in un post

Un cambiamento personale e artistico. “Il Morgan che avete conosciuto fino ad oggi è morto”. Lo scrive il cantautore con un post su Facebook in cui annuncia l’intenzione di mettere all’asta gli oggetti che possiede proprio per liberarsi del suo passato. “Chiuso un ciclo di vita, mi preparo ad entrare in uno nuovo fatto di musica nuova, voce nuova, corpo nuovo, stile nuovo”, dichiara Marco Castoldi in arte Morgan.

Morgan_1“Per compiere questa metamorfosi – spiega – abbandono definitivamente tutto quello che appartiene al mio passato, al mio vissuto artistico, alla mia ‘immagine’, al mio feticcio: metto all’asta – annuncia – tutto quello che ho intorno, dentro casa, nei cassetti, negli armadi, negli scaffali, nelle librerie; gli oggetti, gli strumenti, le carte, i vestiti e ogni altra cosa che mi possa ricordare chi o cosa ero. Me ne libero”.
Morgan dice di voler consegnare personalmente gli oggetti che metterà all’asta. “Chiunque si aggiudicherà un oggetto – scrive su Facebook – lo riceverà direttamente a casa mia, consegnato dalle mie mani, brevi manu come si dice in latino, lo accoglierò in modo del tutto informale e privato, potrà conoscermi, vedermi al lavoro, parlarmi, se lo gradirà gli offrirò un caffè, se vorrà farà una foto”. Insomma potrà entrare “nel nuovo mondo di Morgan”. “Ci saluteremo dicendoci: “arrivederci/dammi la mano e sorridi…”, conclude il cantautore.

Morto Johnny Hallyday, icona del rock francese

È morto questa notte Johnny Hallyday, una delle icone della musica francese. Il cantante e attore, scrivono i media locali, si è spento a 74 anni. Nel marzo scorso la rockstar aveva rivelato di avere un cancro ai polmoni. Ad annunciare la morte del cantante è stata sua moglie Laeticia in un comunicato affidato all’agenzia Afp. «Johnny Hallyday se ne è andato – ha scritto la donna -. Scrivo queste parole senza crederci. Ma a ogni modo è così. Il mio uomo non c’è più. Ci ha lasciati stanotte così come ha vissuto per tutta la sua vita, con coraggio e dignità».

FILE PHOTO: French singer Johnny Hallyday waves to fans attending a ceremony to promote his new album "Jamais seul" (Never alone) at the Virgin Megastore in Paris early March 28, 2011. REUTERS/Charles Platiau/File Photo - RC1D5894A250

Un mese fa, scrive ‘Le Mondè, l’artista era stato ricoverato per problemi respiratori e dopo sei giorni passati nella clinica Bizet a Parigi, aveva deciso di tornare a casa, a Marnes-la-Coquette. Johnny Hallyday, pseudonimo di Jean-Philippe Smet, era nato il 15 giugno 1943 a Parigi da padre belga e madre francese. Iniziò la sua carriera negli anni ’60 e in patria è considerato uno dei più grandi artisti dell’industria discografica. In una nota pubblicata stanotte, il presidente francese Emmanuel Macron ha espresso il suo cordoglio per la morte del cantante. «Tutti ci portiamo dentro qualcosa di Johnny Hollyday» ha detto Macron. In oltre 50 anni di carriera, Hallyday ha venduto oltre 100 milioni di dischi, sfornando successi come ‘Ma guelè, ‘Oh, ma jolie Sarah’ e ‘Que je t’aimè.

Ecco Enzo Sangue blu: «Avrei insegnato lettere, mi ispiro al male ricevuto»

Enzo O’ Talebano Sangue Blue in Gomorra è un fiero combattente del male, nella realtà Arturo Muselli mostra un cuore pulito, alla ricerca di equilibrio e perfezione artistica, oltre che di rigore affettivo, trovato nella compagna ingegnere. Con i genitori ha un rapporto tormentato: lo avrebbero voluto un rassicurante insegnante di lettere. Il Mattino lo ha incontrato in tempi non sospetti, quando era già, a quanto pare, impegnato nelle riprese della serie di Sky e nascondeva il nuovo look con un cappello studiato per depistare possibili domande e i fan della serie. Si è raccontato in un’intervista intima nel video de Il Mattino. «Siamo un po’ lo specchio dei nostri genitori»

3406270_1548_lChe rapporto hai con i genitori?
«Ma…Ho un buon rapporto. Sono figlio unico, ho ereditato le loro ansie e le loro paure e ho incominciato a distaccarmene crescendo ma la fase di passaggio all’età adulta è stata dura»

Ti sostengono?
«All’inizio no. Poi hanno capito che facevo sul serio e che non volevo rinunciare alla carriera da attore. Ogni tanto mi ricordano che sono laureato in lettere e mi sottopongono concorsi e domande di insegnamento e devo ricordare loro che le cose sono un po’ cambiate in questi anni. Ma senza il loro appoggio, i loro sorrisi e le loro pacche sulle spalle o ii sostegno economico e nei momenti di difficoltà non ce l’avrei fatta».

Nascondi i capelli con un cappello (stava girando Gomorra in gran segreto, al tempo, ndr)
«Sto nascondendo i capelli per motivi di lavoro. Anche se indosso il cappello in generale molto spesso».

Chi interpreti? Un calciatore del Napoli con la cresta?
«Magari ma non sono molto bravo a giocare a pallone, sono un napoletano atipico, però gioco a pallacanestro»

Hai una fidanzata che tieni lontana dalle scene
«Mi piace che i nostri mondi siano separati. Credo che quando due persone svolgono lo stesso lavoro il rapporto può complicarsi. Poi sono una persona curiosa e avere accanto qualcuno che fa tutt’altro nella vita è un modo per stimolarmi e per rubare spunti»

Cosa rubi da lei ?
«Beh lei fa l’ingegnere»

Genio e sregolatezza quindi?
«Beh non sono tanto sregolato, mi piacciono le cose tranquille. Piuttosto sono ombroso»

Capiamo qualcosa di più di questo ragazzo ombroso: quanto cattivo c’è in te e quanto ti discosti dai personaggi che interpreti?
«Mi sento buono nella vita perché non ho bisogno di far male alle persone ma sono sempre molto contento quando devo intepretare dei personaggi distanti da me»

E allora che prove sostieni per allenarti a interpretare i cattivi ?
«Prendo spunto dal male che mi hanno fatto nella vita, i cattivi li incontriamo sempre»