La moglie di Brizzi: “Difendo Fausto, è tribunale mediatico. Sono barricata in casa con mia figlia”

«Mi addolora molto ascoltare le accuse rivolte a Fausto perché non corrispondono in nessun modo alla persona che conosco, pur nutrendo il massimo rispetto per le donne che si sono sentite ferite»: rompe il silenzio Claudia Zanella, moglie di Fausto Brizzi, il regista romano accusato di molestie sessuali da diverse attrici e modelle.

claudia-zanella-fausto-brizzi-libro-01-@-twitter

Parla di «tribunale mediatico». «Gli sono vicina – scrive – perché così avviene tra una moglie e un marito quando si affrontano periodi difficili. Sono barricata in casa e non posso nemmeno portare mia figlia al parco: anche questa può essere considerata violenza sulle donne».
Al settimanale Oggi che per per primo aveva parlato della presunta crisi coniugale per la coppia formata dal regista di Notte prima degli esami e dalla Zanella, attrice e madre di una bambina spiega: «Girano molte voci e tali sono per me. Mia madre non sta bene e questa è la mia priorità ora».
LA LUNGA LETTERA «Ho iniziato a fare l’attrice a 11 anni, oggi ne ho 38. In questi anni mi è capitato di sentire di tutto, racconti di molestie di produttori su attori e attrici, abusi di potere da parte di registi e casting (uomini e donne), avance ricevute poco gentili e decisamente fuori luogo. Ho anche conosciuto attori e attrici alla ricerca di notorietà a tutti i costi»: inizia così il testo scritto da Claudia Zanella per esprimere vicinanza al marito Fausto Brizzi, nell’occhio del ciclone per lo scandalo molestie. «Se buona parte di tutto ciò che ho sentito ed è circolato nel nostro mondo fosse vero, da essere umano profondamente rispettoso del prossimo, ne sarei profondamente disgustata. Però – precisa l’attrice – deve esserci una distinzione: davanti alla violenza o all’abuso dobbiamo correre dai carabinieri e denunciare; davanti ad un approccio non gradito, invece, dobbiamo rispondere con un secco ‘no’, e andarcene, come ho fatto io stessa molte volte in questi anni nell’ambiente del cinema, della televisione e della moda», scrive ancora, prima di ribadire il concetto: «Si può e si deve dire di NO davanti a una avance di un produttore o di un regista importante, se questo non ci piace. Perché la carriera si costruisce con il talento, lo studio, l’impegno, non a letto».
Le pesanti accuse rivolte a Brizzi in tv e sui giornali negli ultimi giorni hanno compromesso la sua reputazione e comportato la cessione delle quote che deteneva nella società di produzione cinematografica Wildside e la presa di distanza nei suoi confronti da parte della Warner Bros. Entertainment Italia che lo ha cancellato dalla promozione del suo film di Natale ‘Poveri da ricchissimi’, manifestando l’intenzione di non lavorare più con lui in futuro. Ma soprattutto hanno turbato la sua pace familiare, un anno e mezzo dopo la nascita della sua prima figlia Penelope Nina.
Claudia Zanella racconta le sue sensazioni più private dopo questo terremoto che ha sconvolto la sua vita: «Mi addolora molto ascoltare le accuse che sono state rivolte a Fausto – scrive – perché non corrispondono in nessun modo alla persona che conosco, pur nutrendo il massimo rispetto per le donne che si sono sentite ferite. Mi spiace anche perché a prescindere dal fatto che l’imputato in questo tribunale mediatico sia mio marito, non trovo affatto corretto per nessuno essere descritto come il peggiore dei criminali».
«Mio marito – scrive ancora – ha ribadito, più volte, di non aver mai avuto rapporti non consenzienti. In questo momento gli sono vicina perché così avviene tra una moglie e un marito quando si affrontano periodi difficili. Queste accuse formulate in tv, nei salotti televisivi di trasmissioni di gossip, senza nessuna garanzia, possono distruggere la carriera di un uomo, il suo matrimonio e la sua esistenza. Se mio marito ha avuto rapporti con altre donne nel corso del nostro matrimonio, voglio parlarne da sola con lui, nel nostro privato, come è giusto che sia. Devo capire se come moglie mi ha mancato di rispetto. Sono madre di una meravigliosa figlia femmina, e devo esserle di esempio».
Infine un appello al rispetto della privacy della famiglia, in linea con quanto dichiarato dal primo minuto dal regista che aveva invocato il massimo rispetto per la moglie in particolare. «Sono barricata in casa da 5 giorni e non posso nemmeno portare mia figlia di un anno e mezzo al parco, perché sotto al nostro portone ci sono giornalisti e paparazzi a qualsiasi ora del giorno e della notte. Anche questa – conclude – può essere considerata violenza sulle donne: in questo caso io e mia figlia».
IL CASO E LE TESTIMONIANZE CHOC Intanto, però, dopo le dieci testimonianze raccolte – e messe in fila in una sequenza choc – dalle Iene contro Brizzi (quasi tutte anonime, tranne quelle dell’ex Miss Italia Clarissa Marchese e della modella Alessandra Giulia Bassi), si allunga la lista delle donne che puntano il dito contro il regista. In particolare, è la tatuatrice Vanya Stone a raccontare a ‘Grazia’ la storia di un provino trasformatosi in abuso: e i dettagli – il loft, l’invito a spogliarsi, la proposta di un massaggio, gli approcci sempre più pesanti – ancora una volta sembrano ripetersi.
E sempre ‘Grazia’ ha raccolto la testimonianza di Rossella Izzo, che racconta il disagio provato da alcune allieve dell’accademia di recitazione Actor’s Planet, invitate dal docente Brizzi nel suo studio per parlare, fare provini e per consigli come essere ‘disposte a tutto’. «Abbiamo allontanato lui e anche altri», assicura Izzo.
Dalla parte di Brizzi, in una vicenda lacerante che fa discutere in questi giorni l’Italia, si schiera Vincenzo Salemme: «Io conosco Fausto benissimo e mi sembra tutto talmente assurdo che, mamma mia… questa vicenda mia veramente sconvolto». Con il regista l’attore ha lavorato soltanto nel film ‘Ex’, «ma lo conosco – assicura – è una persona perbene. Sentire quelle cose è stata una cosa sconvolgente».
Gerry Scotti, invece, invita le donne a denunciare con forza: «Adesso avete in mano il pulsante, non dovete perdonare nulla: denunciate subito, non permettete a nessuno di farla franca, tanto più se chi vi sta di fronte è qualcuno che approfitta della situazione», dice rivolto alle studentesse universitarie che affollano la conferenza stampa del suo nuovo programma, The Wall.
«Non è mai troppo tardi per denunciare» violenza e molestie, tuona da Taormina la commissaria europea per la Giustizia e la parità di genere, Vera Jourova, parlando del caso Weinstein con l’ANSA a margine del G7 sulle Pari opportunità. «È molto preziosa», sottolinea, la mobilitazione ‘MeToo’ che sta dilagando sui social. «Le donne hanno avuto il coraggio di portare alla luce le loro storie personali. Finalmente ci rendiamo conto di quanto sia vasto questo problema».

Dustin Hoffman accusato di molestie sessuali: palpeggiò una 17enne. L’attore si scusa

Nuovo scandalo ad Hollywood per molestie sessuali. Questa volta ad essere accusato di abusi è Dustin Hoffman.

Hoffman-screenshotIn un articolo su Hollywood Reporter Anna Graham Hunter scrive che quando era stagista sul set di ‘Morte di un commesso viaggiatore’ nel 1985 e aveva 17 anni, Dustin Hoffman la molestò. L’attore risponde scusandosi e affermando che quelle azioni «non riflettono chi io sono».
L’accusa «Oggi, quando stavo accompagnando Dustin alla sua limousine, mi ha toccato il sedere quattro volte. L’ho colpito ogni volta, forte, e gli ho detto che era un maiale», si legge nel suo resoconto dell’epoca. L’attore ha risposto all’articolo della Hunter con una dichiarazione di scuse. «Ho il massimo rispetto delle donne e mi dispiace terribilmente che qualsiasi cosa io possa aver fatto possa averla messa in una situazione spiacevole. Mi dispiace. Non riflette ciò che sono», ha dichiarato Hoffman.

Weinstein, Courtney Love sapeva:”Se vi invita in una suite al Four Season, rifiutate”

L’ultima tegola sulla testa di Harvey Weinstein arriva dalla Francia. Il presidente Emmanuel Macron ha “chiesto al gran cancelliere dell’Ordine di avviare le procedure per il ritiro della Legion d’onore al produttore americano”, al centro del clamoroso scandalo sessuale. Intanto Tmz ha pubblicato un video del 2005, poi subito ritwittato, in cui Courtney Love dice: “Se Harvey Weinstein ti invita a una festa privata al Four Season, non andarci”.

C_2_articolo_3101013_upiImageppIl video, ritwittato da Chet Cannon, reality star inglese, conferma come i metodi “sessisti” del produttore americano fossero all’ordine del giorno nello star system hollywoodiano e sebbene la Love ammetta di non essere stata abusata da Weinstein, la sua “sofferta” uscita, in risposta alla domanda di una giornalista che le chiedeva di dare un consiglio alle giovani attrici desiderose di far carriera ad Hollywood, le causò l’esclusione dalla Creative Artists Agency, una potente società di agenti cinematografici.
Intanto non si contano gli interventi, i commenti e le nuove confessioni legate al caso. Se Woody Allen si dice “triste” per le accuse di aggressione sessuale rivolte negli ultimi giorni contro il produttore di Hollywood e aggiunge di non averne mai saputo nulla: “Non ci sono vincitori (…) ed è tragico per queste povere donne che hanno dovuto attraversare questa situazione”, Kate Winslet ammette di aver sempre ritenuto i metodi di Weinstein “bullistici e orribili” al punto da non averlo menzionato nei 19 ringraziamenti, quando nel 2009 salì sul palco per ritirare l’Oscar per il film “The Reader”, sebbene fosse stata appositamente istruita a farlo.
Dal canto suo Angelina Jolie ha rivelato di essersi consultata con Brad Pitt e di aver discusso a lungo con l’ex marito sull’impatto che una sua confessione sui tentati abusi nei suoi confronti da parte di Weinstein, avrebbe potuto avere sulla famiglia. Insieme avrebbero deciso di uscire pubblicamente con le rivelazioni, fatte la scorsa settimana.

Selvaggia Lucarelli e l’attacco ad Asia Argento: prima dello scandalo Weinstein svela…

FUNWEEK – Dopo le accuse di stupro di Asia Argento contro il produttore Weinstein, Selvaggia Lucarelli muove un nuovo attacco all’attrice parlando di quella petizione firmata anni fa, proprio dalla figlia di Dario Argento, a favore di Polanski, anche lui accusato e processato di stupro. Ecco tutti i dettagli e le reazioni degli utenti.

asia-argento-selvaggia-lucarelliIl caso Weinstein continua a far rumore. In Italia, sono le dichiarazioni di Asia Argento ad essere al centro del mirino di critici e giornalisti, in particolare da Selvaggia Lucarelli.
Dopo lo scoppio dello scandalo, la figlia di Dario Argento ha rivelato di essere stata anche lei violentata dal produttore, con il quale ha poi continuato ad intrattenere rapporti per i successivi 5 anni per paura di veder distrutta la propria carriera.

È la Lucarelli a rincarare la dose dopo un primo messaggio, nel quale scriveva apertamente contro l’attrice: “Vai a letto con un bavoso potente per anni e non dici di no per paura che possa rovinare la tua carriera. Legittimo. Frigni 20 anni dopo su un giornale americano raccontando di tuoi rapporti da donna consenziente tra l’altro avvenuti in età più che adulta dipingendoli come ‘abusi’. Meno legittimo”.
Ma stavolta la blogger è andata a scavare più a fondo, risalendo ad un caso di diversi anni fa, riguardante Roman Polanski. Il regista fu accusato di aver stuprato una ragazzina di 13 anni e condannato al carcere. Nel corso di una lunghissima storia processuale, diverse star di Hollywood firmarono una petizione in suo favore. Chi non poteva mancare all’elenco? Ma Asia Argento, ovviamente.
“Nel 2009 Asia Argento firmó la petizione pro-Polanski (stupratore di 13enni) – ha scritto la Lucarelli – assieme a #weinstein e altri. Noi che abbiamo delle perplessità sul suo racconto (relative alla sua relazione consensuale lunga 5 anni) facciamo apologia dello stupro. Però, sia chiaro, le petizioni a favore di uno stupratore non le firmiamo”.
Una nuova polemica, dunque, alla quale tuttavia non mancano già pareri controversi da parte dei fan. C’è chi accusa la Lucarelli di mettere in atto del bullismo nei confronti di Asia Argento e chi cerca di fare un distinguo tra il caso Weinstein e quello Polanski, poi perdonato dalla vittima.
Ancora una volta, sul web imperversa una guerra a suon di post. Chi avrà ragione? La Argento o la Lucarelli?

Scandalo a corte, Buckingham Palace bacchetta Pippa. Ecco perché…

LONDRA – Continua la luna di miele di Pippa Middleton e del marito miliardario James Matthews. Ma qualcosa avrebbe fatto storcere il naso a Buckingham Palace…
Il settimanale Chi è riuscito a pizzicare i due piccioncini durante una lussuosa cenetta. La coppia sta girando mezzo mondo, dalla Polinesia all’Australia (dove avrebbero alloggiato in una suite da 12mila euro a notte). Ma proprio questo sarebbe il punto, la regina non gradirebbe tanto sfarzo.

pippa_13185222

“Un viaggio di nozze che sembra più un royal tour – si legge sul settimanale – vista la lunghezza, l’esclusività dei luoghi visitati (dalla Polinesia all’Australia dove hanno alloggiato in una suite da 12mila euro a notte) e il codazzo di fotografi che segue i novelli sposini. Un viaggio di nozze che contempla anche eventi mondani, come il matrimonio in grande stile degli amici Jöns Bartholdson e Anna Ridderstad, celebrato a Stoccolma, dove hanno partecipato i vip di mezza Europa. Tutta questa attività, però, inizia a far storcere il naso a Buckingham Palace che desidererebbe dalla sorella della principessa Kate un profilo leggermente più basso”. Lo riporta il sito Il Giornale.

‘‘I reggiseni è buono solo a toglierli”, gaffe hot di Emma Marrone con Stefano De Martino

Andrà in onda il 13 Maggio ma la puntata del prossimo serale di Amici 16 si preannuncia rovente: a rendere incandescente la serata sarà la battuta di Emma Marrone per il suo ex Stefano De Martino che farà calare il gelo in studio: ecco la gaffe della cantante sui reggiseni e la bravura del suo ex a toglierli…
La loro storia d’amore è stata fra le prime a far sognare i fan di Amici: Emma Marrone e Stefano De Martino sono stati insieme per tre anni e poi si sono lasciati, con lo zampino di Belen Rodriguez e uno scandalo che ancora oggi non si attenua.

I reggiseni buono solo a toglierli gaffe hot di Emma Marrone con Stefano De Martino_08123344

Emma però sembra aver fatto pace con quanto accaduto, al punto da scherzarci su senza problemi e mettere anche un filino in imbarazzo l’ex fidanzato, con cui si incontra quotidianamente per lavoro: tutti e due infatti fanno parte di questa edizione del serale di Amici.
Durante la puntata registrata domenica scorsa, e che quindi andrà in onda su Canale 5 il 13 maggio, Stefano ed Emma sono stati impegnati nel consueto gioco che permette di stabilire chi, fra bianchi e blu, inizierà la manche: in questo caso Emma ed Elisa, aiutate da Marcello Sacchetta e Stefano De Martino, dovevano riempire due reggiseni con i soldi del Monopoli. Durante la prova Emma ha fatto notare che il suo ex, Stefano, è buono solo a toglierli, i reggiseni….
Già la scorsa settimana la cantante salentina aveva lanciato una frecciata sempre durante il gioco iniziale, che consisteva in una corsa con uno fra Giuseppe Gioffrè e Stefano De Martino appeso alle gambe: Emma, che aveva giocato (e perso) con Giuseppe, ha commentato ironicamente “E’ questa la storia della mia vita, alla fine gli uomini mi appendono sempre”
Il povero De Martino si muove sempre su un terreno “minato”, forse perchè i programmi Mediaset sono pieni delle sue ex: anche a Selfie, infatti, non mancano i siparietti con l’ex moglie Belen Rodriguez. Salvate il soldato De Martino!

Kate in topless: chiesti 1,5 milioni di dollari di danni a Closer per le foto dello scandalo

Potrebbero costare molto care a Closer le foto in topless di Kate Middleton pubblicate qualche anno fa. Come riferito infatti da Paul-Albert Iweins, avvocato del settimanale francese, in occasione di un’udienza del processo in corso a Nanterre, il principe William e la duchessa di Cambridge, autori di una denuncia per violazione della privacy, hanno chiesto 1,5 milioni di euro di danni e di interessi alla rivista transalpina.

2416187_1121_katenuda2

Le origini della contesa risalgono all’agosto del 2012, quando un gruppo di paparazzi immortalò con un potente teleobiettivo la coppia reale nella terrazza di un resort di lusso della Provenza. A scandalizzare e irritare la stampa britannica e Casa Windsor furono soprattutto le immagini in désabillhé di Kate, finita in costume e a seno nudo in una serie di scatti diffusi non solo da Closer ma anche dal giornale regionale La Provence, a cui è stato chiesto un indennizzo pari a 50mila euro, e dai più importanti magazine di gossip europei.
“Le foto mostrano una immagine positiva della coppia”, è la difesa dell’avvocato Iweins, che ha voluto poi concludere la sua replica a sostegno di Closer mettendo l’accento sulla “propensione anglo-sassone per danni e interessi punitivi”.

“Michael Jackson voleva sposare l’11enne Emma Watson. L’aveva vista in Harry Potter”

“Michael Jackson voleva sposare l’11enne Emma Watson prima di morire”, sono le parole di Conrad Murray, il medico del cantante condannato nel 2014 a 4 anni di galera per omicidio involontario.Fu lui a somministrare i farmaci che portarono il re del pop alla morte.

Daily-sun_Michael_Jackson-Emma_Watson_picture

Murray ha scritto un libro scandalo dal titolo “This Is It” in cui racconta le ultime verità scomode di Michael Jackson. Sembra che il cantante avesse perso la testa con l’allora protagonista di “Harry Potter” ed era pronto a tutto pur di averla anche se non sarebbe stato semplice a livello legale. “Michael avrebbe voluto che lo accompagnassi a fare visita al padre e a pianificare il matrimonio in occasione dei concerti a Londra”, scrive Murray. Prima di impazziere per Emma, Jackson aveva puntato gli occhi sulla 12enne Harriet Lester, figliastra del suo amico Mark Lester. Il libro sta suscitando molte polemiche.

Jennifer Lawrence, la “ghiandaia” attacca: “Le mie foto diffuse in Rete? Disgustoso”

C_4_foto_1221611_imageArriva nei cinema italiani giovedì 20 novembre “Hunger Games: il canto della rivolta – Parte I”, prima parte del capitolo conclusivo della saga ideata da Suzanne Collins. Protagonista ancora una volta è Jennifer Lawrence che ha “Vanity Fair” commenta lo scandalo delle foto rubate di cui è stata vittima la scorsa estate. “E’ il mio corpo – dice – sono io a dover decidere chi possa vederlo nudo. Quello che è successo è disgustoso”.Una saga letteraria che mescola fantasy, gothic, grande fratello e amori adolescenziali. Una saga cinematografica infarcita di effetti speciali e con un cast da grande occasioni (la Lawrence, ma anche Julianne Moore, Liam Hemsworth, Philip Seymour Hoffman, Woody Harrelson, Elizabeth Banks, Jeffrey Wright, Stanley Tucci). Insomma, il nuovo film diretto ancora una volta da Francis Lawrence ha tutte le carte in regole per essere uno dei blockbuster della stagione. E la seconda parte è stata già girata e uscirà nel 2015.
Ma per quanto le avventure dell’eroina Katnis Everdeen, la “ghiandaia imitatrice” che diventa il simbolo della rivolta contro la dittatura di Capitol City, possano essere al centro dell’attenzione di Jennifer Lawrence, per lei resta ancora impossibile dimenticare quanto accaduto qualche mese fa, quando numerose suo foto private, la maggior parte di nudo, sono state rubate da un hacker e diffuse in Rete.
“Non sapevo cosa fare – racconta a Vanity -, il primo pensiero è stato quello di fare un comunicato stampa ma tutto quello che cercavo di scrivere mi faceva piangere o arrabbiare. O persino pensato di scusarmi però non ho davvero nulla di cui scusarmi. Ho avuto per quattro anni una relazione piena di amore, sana, bellissima. Era a distanza e il tuo ragazzo o guarda il porno o guarda te”.
Il problema è che dalla scorsa estate quelle foto sono state guardate da milioni di sconosciuti. “Solo perché sono un personaggio pubblico non significa che abbia chiesto una cosa come questa – continua -. Si tratta del mio corpo, sono io a dover decidere e il fatto che non lo possa fare è disgustoso”. All’epoca Jennifer è stata tra le poche (forse l’unica) a rivolgersi all’Fbi per la vicenda. Anche perché sulla gravità quanto accaduto ha un’opinione ben precisa. “Questo non è uno scandalo – attacca – è un reato sessuale! Chiunque guardi quelle foto sappia che sta perpetrando un reato sessuale. Persino gente che conosco e a cui voglio bene mi ha detto: ‘Ah sì, le foto le ho guardate’. Io non voglio arrabbiarmi ma penso: ‘Non ti ho dato il permesso di guardare il mio corpo nudo!'”.