Valeria Marini e l’incidente domestico:”Spegne l’incendio col tappetino del gatto e si ustiona la mano”

gossip_italiano_gossip__news_valeria_marini_attende_il_suo_primo_figlio_a_48_anni_ (1)ROMA – Un incidente domestico quantomeno singolare per Valeria Marini.
La showgirl infatti avrebbe provato a spegnere un incendio col tappetino del gatto, provocandosi un’ustione alla mano: “Se non esistesse bisognerebbe inventarla: Valeria Marini è una fucina di episodi che hanno dell’incredibile – racconta “Novella2000” – La scorsa settimana è stata vittima di un incidente domestico unico: mentre stava pulendo i pennelli del trucco, e ne ha tantissimi, è scoppiato un piccolo incendio che lei ha provato a spegnere.
Indovinate con che cosa? Con il tappetino del gatto! In ogni caso, l’incendio è stato domato, ma la Marini si è leggermente ustionata una mano”.

Lite tra Marini e Bettarini. Lei: “Porti sfiga”, lui replica: “Stai nel tuo”

A pochi giorni dalla finale continuano le liti tra Valeria Marini e Stefano Bettarini nella casa del Grande Fratello Vip. Dopo il recente scherzo alla showgirl lei ha sbottato: «Ora vediamo che succede lunedì, altro che salamoia di Roger Rabbit», facendo riferimento alla nota scena in cui il simpatico coniglio, compagno di Jessica Rabbit, rischia di essere sciolto nella salamoia.

marini bettarini-2

A questo punto è intervenuto Stefano Bettarini: «Potrei non dormire la notte lunedì sera, tremo. Cosa c’è da vedere lunedì?».  La Marini ha replicato: «Ma cosa vuoi, ma come ti permetti di entrare nella mia camera e mettere le cose nel mio letto», Bettarini, alzando la voce replica: «La camera è di tutti. Cosa significa ‘Lunedì si vede’, cosa si deve vedere lunedì? Dimmelo in faccia. Ancora pensi che le campane portino sfiga, pensa come sei messa». A quel punto Valeria risponde: «La sfiga la porti tu», ma non tarda la replica e Stefano incalza: «Hai detto che io porto sfiga, perfetto Valeria…le persone vengono fuori per quello che sono».
La Marini, ha poi provato a smorzare i toni: «Tu cerchi solo la lite. Io ho solo indifferenza nei tuoi confronti. Sei aggressivo e offensivo e offendi le donne. Si è visto dall’inizio che persona sei», ma Stefano non tarda nuovamente a replicare, questa volta concludendo: «Ma cosa ti arrampichi sugli specchi…stai scivolando. Hai detto che porto male. Comunque me la sto facendo sotto per lunedì. Non tutti devono subire i tuoi giochetti. Parla in faccia non alle spalle. Quando fai gli scherzi te, tutti devono stare zitti. Stai nel tuo».

Bettarini e Marini al veleno: L’ex calciatore a Valeria: “Ti sbrano”

Dall’amore alla guerra. L’idillio tra Stefano Bettarini e Valeria Marini a pochi giorni dalla fine del reality sembra essere completamente svaito, soprattutto a seguito delle recenti affermazioni dell’ex calciatore. «Dice di essere offesa, di volere le scuse. O la impari a conoscere e te la fai scivolare, o ti fai un fegato così, come me lo sono fatto io. Io quando ho fatto la nomination per mandarla in finale ho fatto una grande ca**ata. Sono pentito perché per la prima volta non sono stato coerente con me stesso.

2052424_betta

Le cose che ha detto in confessionale sono brutte», queste le parole di Bettarini sulla showgirl, «Ci sono rimasto male. Io la sbrano qui dentro, ve lo dico, non ne esce».  Bettarini si riferisce alle parole della Marini in cui diceva: «Non gli è servita la lezione avuta quando ha parlato dietro e tutto quello che ha combinato. Parla male di Pamela…non ne parla nemmeno bene, dopo aver avuto una storia con lei. Ma tanto non lo vince il Grande Fratello, questo è sicuro, raccogli quello che semini». Così tra i due è scoppiata la lite: «Hai mai visto un mio confessionale così nei tuoi confronti? Rispondimi, l’hai mai visto? E poi tutto questo legame con Andrea perché non ti andava mai contro? Bisogna leccarti per andare d’accordo con te, bisogna adularti». Dopo uno scambio di battute, infine, Bettarini ha concluso in confessionale: «Lei non è sincera quando dice le cose, fa quella che ti sta vicino, che le dispiace e poi ti dà la coltellata. Sta facendo il suo gioco, dice le cose e le rimuove».