Aida Yespica, vacanze hot col fidanzato: “Gemiti e urla di piacere dalla stanza dell’hotel”

2503795_1635_aida_yespica_enrico_romeo_vacanze_hotMILANO – Da qualche tempo Aida Yespica, terminata la sua relazione col finanziere Robert Jenkins, ha ritrovato l’amore assieme all’imprenditore italo-svizzero Enrico Romeo.
Tra i due sembra proprio che non manchi la passione: “Gemiti, urla di piacere e un fracasso che manco Rocco Siffredi quando si accoppia con Malena sono stati uditi l’altra notte dalla stanza dell’hotel caprese occupata dalla statuaria Aida Yespica e dal di lei fidanzato – fa sapere la rubrica “Milanospia” di “Dagospia” – l’imprenditore svizzero Enrico Romeo, che è praticamente il sosia di Matteo Ferrari, ex storico della showgirl. Sembra che la coppia abbia amoreggiato sino a tarda notte e che abbia consumato numerose bottiglie di champagne. A spese di chi? Ah, saperlo…”

Cameriera fa sesso con Orlando Bloom: licenziata. Lui la chiama: “Mi dispiace”

Che Orlando Bloom ami le ‘scappatelle’ è arcinoto: sono tante le donne che sono state tradite dal bell’attore inglese, comprese l’ex moglie Miranda Kerr e l’attuale compagna, Katy Perry. Quello che finora non sapevamo è che il fascino irresistibile di Orlando può avere effetti controproducenti.

viviana-e-orlando-bloom (1)La 22enne Viviana Ross, infatti, lavorava come cameriera in un hotel di lusso dove Orlando Bloom aveva alloggiato durante le anteprime londinesi del nuovo capitolo di ‘Pirati dei Caraibi’. Stando a quanto riportano alcuni media online, gli amici di Viviana hanno raccontato che tra la ragazza e l’attore 40enne la scintilla era scoccata dopo un semplice scambio di sguardi. Invitare e convincere la giovane a seguirlo nella sua stanza, per Bloom, fu un gioco da ragazzi. Quello che Viviana non poteva sapere era quello che l’aspettava la mattina seguente.
Mentre l’attore si era alzato presto per i suoi impegni, Viviana era rimasta a dormire nel letto ma era stata scoperta da un suo superiore. In pochi minuti le fu comunicato il licenziamento in tronco. La storia ha fatto il giro del mondo e ha indotto anche Orlando Bloom a telefonare alla ragazza: «Mi dispiace per quello che è successo». Non tutto il male viene per nuocere, comunque: Viviana da sempre ha la passione per la recitazione e questa improvvisa ventata di popolarità può solo portare grandi benefici alla sua carriera. Il ‘physique du rôle’, come potete vedere anche in queste immagini, non le manca di certo.

Chiara Ferragni-Fedez, ultimo bacio a New York

Si sono dati appuntamento a New York dove, tra una sfilata e l’altra nel corso della settimana della moda, hanno festeggiato insieme il loro primo San Valentino. Fedez e Chiara Ferragni hanno condiviso sul social il loro amore fatto di scambio di abiti e tanti baci, da quelli più int. imi in hotel a quelli scoccati sotto i grattacieli della Grande Mela prima di far rientro in Italia.

C_2_fotogallery_3009209_12_image (1)

Non è la distanza a spaventare la coppia Fedez-Ferragni. Se non è la fashion blogger in Italia è il rapper a volare a Los Angeles. Questa volta però i due si sono riuniti a New York dove hanno trascorso qualche giorno insieme. Hanno passeggiato mano nella mano illuminati dalle insegne della Grande Mela, fatto shopping e celebrato la festa degli innamorati. Si sono scambiati coccole “ad incastro” tra una passerella e l’altra cercando di trascorrere insieme più tempo possibile. Dopo una cascata di baci, l’ultimo… quello dell’arrivederci a New York. Il rapper di rientro in Italia deve concentrarsi sulle prove del tour “Noi, Comunisti col Rolex” che partirà l’11 marzo da Torino, data già sold out.

Rigopiano, Arisa canta ai funerali di Silvana e Luciano

La sorpresa. La cantante Arisa ai funerali dei coniugi di Castel Frentano (Chieti), Luciano Caporale, 52 anni, e Silvana Angelucci (48), morti all’hotel Rigopiano.
Nascosta tra la gente che affollava la chiesa di Santo Stefano, ad un tratto ha intonato ‘L’amore della mia vita’ come omaggio dopo che nei giorni scorsi il video della famiglia che in macchina cantava il brano, è diventato virale. In molti hanno pensato che si trattasse di un cd fino a quando al sindaco non è arrivato il video.

2225902_poster_001

L’INCHIESTA VA AVANTI Proseguono senza sosta le indagini della Procura di Pescara sulla tragedia dell’hotel Rigopiano, il 18 gennaio scorso, dove sono morte 29 persone. Undici i sopravvissuti. In settimana prenderanno probabilmente la strada dell’acquisizione di tutte quelle che sono le competenze in materia. La prima parte sarebbe servita fin qui a cristallizzare la situazione e ad individuare tutti i soggetti che erano sul campo a lavorare, mentre adesso si punterà ad individuare le linee di comando. A tenere banco, intanto, è soprattutto la questione dell’allerta valanghe Meteomont: già il 17 gennaio e poi per tutto il 18 gennaio l’ allerta su Rigopiano era di livello 4 su un massimo di 5. Sull’argomento è intervenuto il sottosegretario regionale Mario Mazzocca, per dire che «i bollettini Meteomont sono stati pubblicati sul sito regionale della protezione civile ed erano pertanto pienamente e tempestivamente visibili da parte di chiunque e segnatamente da parte di chi aveva precisi compiti in materia». Simone Angelucci, sindaco di Caramanico Terme, località montana a circa 70 chilometri da Rigopiano, ha riferito che nei giorni in cui c’è stata la valanga a Rigopiano, aveva ricevuto il bollettino Meteomont. «Ho ritenuto necessario coinvolgere esperti – spiega – che mi hanno indotto a chiudere una delle quattro strade che ho sottoposto alla loro attenzione». «Sono comunque sicuro che, anche se a Farindola avessero ricevuto il bollettino con un livello di allerta valanghe 5, il sindaco a tutto avrebbe pensato tranne che ad evacuare l’hotel», dice ancora Angelucci. «Ricevo il bollettino Meteomont con l’allerta valanghe dai carabinieri forestali – sottolinea il sindaco di Caramanico Terme – ma poi sono io a dovermi assumere delle responsabilità». PER L’ABRUZZO UN’ALTRA GIORNATA DI DOLORE A Castel Frentano (Chieti) una grande folla ha detto addio a Luciano Caporale, 52 anni, e Silvana Angelucci, 48 anni. A rendere omaggio ai coniugi frentani anche la cantante Arisa, che nella chiesa di Santo Stefano ha intonato ‘L’amore della mia vita’. Un gesto spontaneo da parte della cantante, commossa dalla visione del video postato su Facebook dai figli della coppia in cui i due parrucchieri cantavano in auto il brano che tanto amavano. A Loreto Aprutino (Pescara) c’era l’intero paese per l’estremo saluto a Piero Di Pietro e a sua moglie Barbara Nobilio. Sulla bara di Di Pietro, ex allenatore ed ex giocatore di calcio, la maglia del Pescara. «Oggi troppo spesso – ha detto la figlia Federica Di Pietro – chi fa politica pensa solo alla poltrona, mentre la politica è lavoro». A Chieti 3.000 persone hanno preso parte ai funerali del poliziotto Domenico Di Michelangelo e di sua moglie Marina Serraiocco, che vivevano a Osimo (Ancona), genitori di Samuel, uno dei quattro bimbi sopravvissuti. Presente il vice capo della Polizia Luigi Savina. «L’intera famiglia della Polizia di Stato sarà qui nel futuro con Samuel». Alessandro, si è rivolto al fratello con una lettera: «Avrei scavato a mani nude». A Vasto (Chieti) si è svolto il funerale della giovane Jessica Tinari, deceduta a Rigopiano insieme al fidanzato Marco Tanda. In chiesa gli amici hanno apposto uno striscione con la foto dei fidanzati: «Jessica e Marco, il vostro grande amore eterno sarà ricordato per sempre nei nostri cuori». Prima dell’entrata in chiesa, accanto alla bara bianca di Jessica, è stata esposta e benedetta anche quella di Tanda, pilota d’aerei di 25 anni, le cui esequie si sono svolte a Castelraimondo (Macerata).

Gaffe in diretta a Pomeriggio 5, Barbara D’Urso imbarazzata dall’incidente. Ironia sui social

Gaffe in diretta a Pomeriggio 5, Barbara D’Urso imbarazzata dall’incidente. Ironia sui social È successo in diretta a Pomeriggio 5, la gaffe che ha coinvolto Barbara D’Urso ha imbarazzato la conduttrice che non sapeva cosa fare. Tanta ironia sul web per l’incidente.
La puntata di Pomeriggio 5 del 25 gennaio scorso non è stata affatto facile per Barbara D’Urso, che ha dovuto fronteggiare diversi episodi critici ed è stata messa a dura prova dagli ospiti con cui era in collegamento e da qualche incidente tecnico sfociato inevitabilmente in una bella gaffe finale.

barbara-d-urso-e-la-gaffe-a-pomeriggio-5

La conduttrice, nel corso della puntata, ha ritagliato tanto tempo – e relativi servizi – alla tragedia che ha travolto l’Hotel Rigopiano, di cui era una assidua frequentatrice. Mentre continuano le ricerche dei dispersi e proseguono le indagini per capire a pieno cosa sia successo e di chi – eventualmente – sia la colpa, la lista dei corpi senza vita si allunga e Barbara D’Urso a Pomeriggio 5 ha dato la parola al padre di Stefano, il fidanzato di Francesca Bronzi trovato sotto le macerie dell’albergo abruzzese: è stato proprio l’uomo a riconoscere il corpo di suo figlio senza vita, per questo in trasmissione è apparso sconvolto e agitato.
Sul finire dell’intervista a distanza, Barbara D’Urso ha salutato l’ospite, ma prima di dare appuntamento ad una nuova puntata, è caduta in un profondo imbarazzo quando ha capito di avere problemi al microfono e di aver parlato per 20 secondi senza essere ascoltata a casa.La gaffe della conduttrice a Pomeriggio 5, costretta a mimare coi gesti il suo ormai epico saluto ‘col cuore’, ha suscitato parecchia ironia sui social e qualche spettatore che mal sopporta il programma e la stessa Barbarella, ha colto l’occasione per cinguettare: “Hanno spento il microfono alla d’urso neanche quelli che lavorano lì ce l’hanno fatta più.

Barbara D’Urso, dolore per l’hotel spazzato via: “Era il mio nido”

«L’hotel Rigopiano era il mio nido nel quale mi rifugiavo quando non ero in diretta, l’ho fatto per anni fino a qualche mese fa»: a scrivere in un post su Facebook è Barbara D’Urso, la presentatrice di “Pomeriggio Cinque”, frequentatrice abituale dell’albergo sul Gran Sasso travolto da una slavina con una trentina di persone all’interno.

2144860_barbara_durso_dottoressa_gioIn un messaggio sul suo profilo del social network, la D’Urso pubblica la foto di due splendidi cani, tratta proprio dalle foto d’archivio del resort: «Le foto che pubblico spesso dei miei amati cani in montagna sono i cani che vivono lì – scrive ancora – Conosco tutte le persone meravigliose che ci lavorano e che ora verranno salvate, io sto pregando per questo.

16003134_1390128367684766_1537920263679040552_n

Alberto, Marinella, Fabio e tutti gli altri…. Prego per i soccorritori che in questo momento stanno facendo l’impossibile».

Prince, spunta il figlio biologico: “Fatemi il test del DNA”

Dopo la morte di Prince moltissimi si sono fatti avanti, dichiarando di essere imparentati con la star. Tra questi anche Carlin Q. Williams, detenuto 39enne del Missouri, che ha richiesto il test del DNA per provare il suo legame di sangue. A quanto riporta Tmz il presunto figlio sarebbe stato concepito nel 1976, in un hotel di Kansas City.

C_2_articolo_3007852_upiImagepp

Intanto il dottore che aveva in cura Prince ha lasciato il centro medico in cui lavorava. Williams nella sua deposizione ha dichiarato che la madre Marsha Henson incontrò Prince al Crown Center Hotel di Kansas City, nel luglio del 1976. Dopo aver bevuto del vino insieme avrebbero consumato un rapporto non protetto in una delle stanze. La diretta interessata ha affermato di non aver fatto sesso nelle sei settimane precedenti all’incontro con la star e nemmeno durante la gravidanza.
Sempre secondo Tmz, inoltre, il medico che aveva in cura la popstar ha misteriosamente lasciato il centro in cui lavorava. Il Dr. Michael Todd Schulenberg, interrogato dalla polizia, aveva ammesso di aver visitato Prince il giorno prima della morte. In quell’occasione lo aveva sottoposto ad alcuni test e si era recato da lui il giorno successivo per portare i risultati. Il centro medico è stato intanto perquisito e sono stati prelevati documenti, cartelle cliniche, foto e appunti medici riguardanti Prince.