Diletta Leotta innamorata: fiori d’arancio in vista con il suo fidanzato

Dopo il buio arriva sempre il sereno ed è così anche per Diletta Leotta. La bella giornalista di Sky Sport, infatti, dopo i mesi scorsi nei quali è diventata protagonista di un attacco hacker nel quale sono state diffuse in rete, probabilmente, delle sue immagini private e hot, ora può gettarsi l’episodio alle spalle e sorridere del suo futuro.

diletta-leotta-primo-bagno

La Leotta torna al centro del gossip, ma questa volta è per una cosa positiva: secondo alcune notizie trapelate sul web, sembrerebbe in ‘love’ con Matteo (ancora non è noto il suo cognome), dirigente di Sky. Ma non solo: secondo quanto pubblicato dal settimanale ‘Oggi’, i due starebbero addirittura in procinto di sposarsi. Al momento intanto, vivono in una bellissima casa nel centro di Milano. In attesa di qualche conferma o smentita, attendiamo di conoscere il volto del fortunato che ha saputo far innamorare la bella Diletta.

Britney Spears in posa da Charlieʼs Angel dopo la bufala della morte

Britney Spears sta bene. L’annuncio della sua morte sull’account della Sony Music era una bufala. A rassicurare tutto il mondo non ci ha pensato solo il suo portavoce con una dichiarazione alla Cnn.

c_2_articolo_3048280_upiimagepp

La stessa pop star ha postato su Twitter, a beneficio dei suoi quasi 50 milioni di follower, un collage di quattro foto ironiche n cui si mostra in posa da Charlie’s Angel con una didascalia che recita “Non sottovalutare il potere di di Charlie’s”.
A smentire la notizia della morte della pop star statunitense ci ha pesato il suo staff assicurando: “E’ colpa degli hacker. Presumo il loro account sia stato hackerato, Britney sta bene”. Intanto sui social dopo la tristezza dei fan per la notizia, la smentita si è trasformata in ironia, e in molti hanno scritto come la cantante abbia battuto ogni record morendo e resuscitando nello stesso giorno.

Jennifer Lawrence, la “ghiandaia” attacca: “Le mie foto diffuse in Rete? Disgustoso”

C_4_foto_1221611_imageArriva nei cinema italiani giovedì 20 novembre “Hunger Games: il canto della rivolta – Parte I”, prima parte del capitolo conclusivo della saga ideata da Suzanne Collins. Protagonista ancora una volta è Jennifer Lawrence che ha “Vanity Fair” commenta lo scandalo delle foto rubate di cui è stata vittima la scorsa estate. “E’ il mio corpo – dice – sono io a dover decidere chi possa vederlo nudo. Quello che è successo è disgustoso”.Una saga letteraria che mescola fantasy, gothic, grande fratello e amori adolescenziali. Una saga cinematografica infarcita di effetti speciali e con un cast da grande occasioni (la Lawrence, ma anche Julianne Moore, Liam Hemsworth, Philip Seymour Hoffman, Woody Harrelson, Elizabeth Banks, Jeffrey Wright, Stanley Tucci). Insomma, il nuovo film diretto ancora una volta da Francis Lawrence ha tutte le carte in regole per essere uno dei blockbuster della stagione. E la seconda parte è stata già girata e uscirà nel 2015.
Ma per quanto le avventure dell’eroina Katnis Everdeen, la “ghiandaia imitatrice” che diventa il simbolo della rivolta contro la dittatura di Capitol City, possano essere al centro dell’attenzione di Jennifer Lawrence, per lei resta ancora impossibile dimenticare quanto accaduto qualche mese fa, quando numerose suo foto private, la maggior parte di nudo, sono state rubate da un hacker e diffuse in Rete.
“Non sapevo cosa fare – racconta a Vanity -, il primo pensiero è stato quello di fare un comunicato stampa ma tutto quello che cercavo di scrivere mi faceva piangere o arrabbiare. O persino pensato di scusarmi però non ho davvero nulla di cui scusarmi. Ho avuto per quattro anni una relazione piena di amore, sana, bellissima. Era a distanza e il tuo ragazzo o guarda il porno o guarda te”.
Il problema è che dalla scorsa estate quelle foto sono state guardate da milioni di sconosciuti. “Solo perché sono un personaggio pubblico non significa che abbia chiesto una cosa come questa – continua -. Si tratta del mio corpo, sono io a dover decidere e il fatto che non lo possa fare è disgustoso”. All’epoca Jennifer è stata tra le poche (forse l’unica) a rivolgersi all’Fbi per la vicenda. Anche perché sulla gravità quanto accaduto ha un’opinione ben precisa. “Questo non è uno scandalo – attacca – è un reato sessuale! Chiunque guardi quelle foto sappia che sta perpetrando un reato sessuale. Persino gente che conosco e a cui voglio bene mi ha detto: ‘Ah sì, le foto le ho guardate’. Io non voglio arrabbiarmi ma penso: ‘Non ti ho dato il permesso di guardare il mio corpo nudo!'”.