“Ho rischiato di perdere il mio bambino perché cieca”, Annalisa Minetti choc in diretta dalla D’Urso

Annalisa Minetti, ospite di “Domenica Live”, presenta al pubblico di Barbara D’Urso il suo secondo marito Michele Panzarin e il libro “Rinasco”. La cantante racconta in televisione che è rinata dopo l’incontro con il suo fisioterapista che è diventato suo marito e ha dovuto lottare per l’affidamento del figlio Fabio, di otto anni.

Annalisa-minetti-cantante-586x436

 

Per Annalisa Minetti è stato difficile sentirsi dire che la sua cecità era un pericolo per il suo bambino, avuto con l’ex marito Gennaro Esposito. Rischiava di non poterlo crescere perché in molti credono che i non vedenti non siano persone autonome. Annalisa ha scritto tutto nel suo libro e in studio si è commossa pensando alla sua storia di madre.
Il nuovo marito rappresenta un uomo estremamente importante e che, tra le tante cose, l’ha anche aiutata ad affrontare dei momenti difficili, tra cui una bruttissima tendinite che l’aveva colpita. Michele è arrivato anche al momento giusto.

Alex Belli si separa, la moglie dalla D’Urso: “Usciva in piena notte e spariva”

Il matrimonio tra Alex Belli e Katarina Raniakova è al capolinea. La modella è stata fotografata mentre traslocava dalla loro casa e nella puntata di “Domenica Live” replica alle parole del marito della puntata di una settimana fa.

(KIKA) - RICCIONE - La primavera è finalmente arrivata, e anche se il tempo meteorologico sembra volersi opporre allo sbocciare dei fiori Alex Belli e consorte non hanno la minima intenzione di rimanere a casa ad aspettare che il sole si decida a uscire definitivamente. Il bello di Cento Vetrine e la modella Katarina Raniakova sono stati fotografati mentre facevano festa in compagnia di alcuni amici al Pacifico Dinner Club, locale notturno di Milano Marittima, nella riviera romagnola. I due, convolati a nozze lo scorso febbraio a Bayahibe, nella Repubblica Dominicana, sono sembrati più uniti che mai mentre si scambiavano tenerezze e ballavano sussurrandosi dolci parole all'orecchio. Ma ancora nessun progetto di famiglia all'orizzonte. Belli, che sarà presto protagonista sul grande schermo e che a breve comincerà le riprese della nuova stagione di Cento Vetrine, ha recentemente dichiarato di non avere bebè in programma: "Ho iniziato bene il 2013, mi attendono mesi di lavoro intenso, ma sono felicissimo. Un figlio da Katarina? Mi piacerebbe, ma non in questo momento".

L’attore di “Centovetrine” ha detto a Barbara D’Urso di essere ancora innamorato di Katarina e che i tradimenti che lei dice di aver subito sono frutto della sua immaginazione. “Katarina è la donna della mia vita, ma è andata via dopo sei mesi che non stavamo bene”, ha aggiunto Belli lanciando un appello affinché si possano rimettere insieme.
Commossa ma anche decisa, la modella ha spiegato a Barbara D’Urso di non amarlo più: “Se non vieni al funerale di mio nonno, che ti ha sempre visto in televisione e voluto bene, per me sei morto. Guardiamo avanti”. La Raniakova ha raccontato che lui scappava via di casa in piena notte senza dirle niente e non rispondeva al telefono. Mai una parola di sostegno sui suoi attacchi di panico. “Se ami una persona almeno le chiedi come sta”, ha dichiarato.

Marco Baldini, la ex moglie si sfoga in diretta dalla D’Urso: “Mi ha rovinato la vita con i debiti”

Tanta commozione, e soprattutto una giusta dose di comprensibile amarezza, per Stefania Lillo, ex moglie di Marco Baldini.

1415871432_baldini-3

La donna, ospite di Barbara D’Urso a Domenica Live, si è lasciata andare ad un lungo sfogo, mentre l’ex marito, in collegamento con la trasmissione, ascoltava: «Mi sono innamorata follemente di lui, è stato un amore folle. Ma lui ha rovinato tutto con i suoi debiti di gioco. La sua malattia ha rovinato la nostra famiglia e la mia vita». La svolta, per Stefania, arrivò quando Marco le confessò di dover cambiare città per sfuggire ai creditori: «Lì capii che ero vittima di quella situazione. Ho dovuto azzerare la mia vita e vivere una realtà diversa. Dopo che Marco ha tentato il suicidio, ero caduta in depressione, ma sono felice di esserne uscita più forte di prima».

Isabella Biagini denuncia in diretta tv dalla D’Urso: “Ecco chi ha dato fuoco alla mia casa…”

“Non ho una stufetta per il caldo. Lo dico pubblicamente. In quella maledetta casa non hanno trovato né stufa, né gas che ho fatto togliere due anni fa. Mi sono stufata”.
È un vero e proprio sfogo quello che Isabella Biagini, evidentemente scossa, affida alle telecamere di Domenica Live, dopo l’incendio del suo appartamento romano, avvenuto il giorno prima dello sfratto. L’attrice torna a ribadire la teoria dell’attentato, che aveva già sostenuto nelle passate puntate della trasmissione.

2140593_incendionomentano

“Ho visto l’esplosione, altrimenti non sarei scappata in quel modo. Io non ho mai avuto stufette in casa mia, ne ho sempre avuto paura per i cani. E poi una stufetta non fa una lingua di fuoco!”. L’incendio, quindi, secondo la Biagini, sarebbe stato appiccato volontariamente. Un’accusa molto forte e l’attrice si spinge anche oltre, arrivando perfino a fare il nome di quello che secondo lei sarebbe il “possibile” responsabile, ossia il fratellastro, figura cui la Biagini ha più volte mosso accuse anche per questioni economiche, sempre in trasmissione, portando l’uomo altrettanto spesso a contestarle pubblicamente. “Non accuso nessuno – specifica la Biagini – ho solo detto: potrebbe”.
Domani l’attrice incontrerà gli inquirenti per parlare dell’incendio.

Lory Del Santo dalla D’Urso: “Ecco la verità sul padre di mio figlio”

Lory Del Santo ha scelto il salotto di Domenica Live per rispondere alle dichiarazioni di Silvio Sardi, padre di suo figlio Devin, che la avrebbe accusata di avergli portato via il bambino.
Netta la replica di Lory Del Santo, che lo ha definito “padre per caso”:
“Odio parlare male della gente e di chi mente. Cerco di avere una dignità che va oltre. Quello che ho fatto l’ho fatto alla luce del sole. Ci siamo lasciati alla luce del sole, io sono tornata in Italia, anzi un giorno lo racconterò: mio figlio l’ha rapito lui, io ho chiamato la polizia ma ne parleremo un’altra volta.

2240329_lory_del_santo_silvio_sardi_05190641

Lui ed io abbiamo deciso di fare di comune accordo un contratto per la gestione del bimbo. Io pensavo potesse essere verbale, lui ha detto: no, il nostro accordo deve essere scritto. Abbiamo firmato un accordo, in cui io accettavo tutte le sue richieste e si diceva che lui poteva vedere il bambino quando voleva. C’era anche un compenso mensile che doveva dare per crescere il figlio. Lui ha pagato tre assegni, erano a vuoto. Poi è scomparso per sempre. Non ha mai né telefonato né incontrato il bambino. Io non ho mai fatto causa per avere quello che aveva promesso di pagare”.
La relazione con Sardi, ribadisce la Del Santo, si era già chiusa da mesi quando lei ha scoperto di essere incinta.
“Un giorno – prosegue – quando mio figlio aveva sette anni, ho ricevuto un documento. Lui aveva fatto causa per avere l’affidamento. Questa storia per me è stato un problema grave. Sono dovuta andare in tribunale e ho dovuto pagare. Io non sono una miliardaria, lavoro. Per me questa causa è stata un dolore. Ha vinto la causa, non ha ottenuto l’affidamento, ma di poter vedere il bambino una volta alla settimana, poi questa cosa si sarebbe potuta intensificare. Si è presentato due mercoledì. E gli altri mercoledì? Mi fai causa per due mercoledì in 25 anni?”.
Sardi avrebbe anche negato la possibilità di un flirt tra la showgirl e Trump. La Del Santo ha liquidato velocemente il tema: “Chi è quest’uomo?”, ribadendo le distanze già prese dall’ex, che non aveva riconosciuto e che ha affermato di non vedere da 25 anni.

Messina, Ylenia difende l’ex dalla D’Urso. Il duro attacco di Selvaggia Lucarelli

Ylenia Grazia Bonavera, la 22enne di Messina ustionata dall’ex fidanzato Alessio Mantineo, continua a difendere il suo uomo ribadendo che non è stato «Il suo Alessio». Il Pm però resta fermo nelle accuse verso il 24enne, contro il quale spunta anche una prova importante: l’uomo sarebbe stato ripreso mentre riempiva una bottiglia di benzina in un distributore automatico.

ylenia-grazia-bonavera-e-alessio-mantineo

Ylenia è stata intervistata a Pomeriggio 5 dove ha continuato a negare le accuse verso Alessio arrivando ad attaccare la madre, convita che l’autore dell’aggressione sia stato proprio l’ex fidanzato della figlia. Ad intervenire a riguardo c’è anche Selvaggia Lucarelli che dedica a quanto accaduto in puntata un lungo post sulla sua pagina Facebook. «Oggi a Pomeriggio 5 si è celebrata la morte di ogni lotta contro il femminicidio oltre che un teatrino avvilente». La Lucarelli racconta quanto accaduto in diretta: «La madre ha fatto irruzione nella stanza, ha chiesto di interrompere l’intervista, lei le ha urlato stronza, ha detto che la madre lo odia perché la vuole vedere con un avvocato o un comandante, poi ha definito la D’Urso “la più grande trasmettitrice con le palle”, ha detto che vuole andare da lei in studio domani, che Alessio la amava troppo per fare una cosa del genere e infine l’apoteosi: lei già 4 anni fa “era stata incendiata” da non si sa chi, aveva detto tutto ai carabinieri ma poi i carabinieri purtroppo si sa, arrestano chi vogliono loro.». Poi la D’Urso chiede alla ragazza: «”Ma lo sai che ci sono uomini che fanno queste cose per troppo amore?”. Per troppo amore. Ecco. Se c’è un messaggio sbagliato è questo: associare l’amore alla delinquenza. Perché se dai fuoco alla tua ragazza sei un delinquente. Punto. Non sei troppo innamorato, sei troppo criminale per stare fuori di galera». Poi Selvaggia esprime la sua opinione attaccando la conduttrice: «Alla fine di questa faccenda di cui sarebbe meglio per il bene di tutte le donne non sapere più nulla se non la fredda cronaca, si trova solo la conferma del fatto che ahimè, esistono anche vittime complici del loro carnefice. Di una dipendenza psicologica malata e pure della loro ignoranza, che in questo caso ha un peso specifico importante. E la trasmettitrice con le palle, se proprio è in prima linea nella lotta contro il femminicidio, dovrebbe lasciare Ylenia agli psicologi anziché a questi teatrini che possono alimentare un’idea malsana, oscena e già parecchio strisciante: “Certe donne se lo meritano”. No, neanche Ylenia se lo merita. Solo che non vuole essere aiutata e oggi farla parlare in tv o suoi giornali è solo un insulto nei confronti di chi ha denunciato, di chi ha avuto coraggio, di chi voleva vivere».