Morto Johnny Hallyday, icona del rock francese

È morto questa notte Johnny Hallyday, una delle icone della musica francese. Il cantante e attore, scrivono i media locali, si è spento a 74 anni. Nel marzo scorso la rockstar aveva rivelato di avere un cancro ai polmoni. Ad annunciare la morte del cantante è stata sua moglie Laeticia in un comunicato affidato all’agenzia Afp. «Johnny Hallyday se ne è andato – ha scritto la donna -. Scrivo queste parole senza crederci. Ma a ogni modo è così. Il mio uomo non c’è più. Ci ha lasciati stanotte così come ha vissuto per tutta la sua vita, con coraggio e dignità».

FILE PHOTO: French singer Johnny Hallyday waves to fans attending a ceremony to promote his new album "Jamais seul" (Never alone) at the Virgin Megastore in Paris early March 28, 2011. REUTERS/Charles Platiau/File Photo - RC1D5894A250

Un mese fa, scrive ‘Le Mondè, l’artista era stato ricoverato per problemi respiratori e dopo sei giorni passati nella clinica Bizet a Parigi, aveva deciso di tornare a casa, a Marnes-la-Coquette. Johnny Hallyday, pseudonimo di Jean-Philippe Smet, era nato il 15 giugno 1943 a Parigi da padre belga e madre francese. Iniziò la sua carriera negli anni ’60 e in patria è considerato uno dei più grandi artisti dell’industria discografica. In una nota pubblicata stanotte, il presidente francese Emmanuel Macron ha espresso il suo cordoglio per la morte del cantante. «Tutti ci portiamo dentro qualcosa di Johnny Hollyday» ha detto Macron. In oltre 50 anni di carriera, Hallyday ha venduto oltre 100 milioni di dischi, sfornando successi come ‘Ma guelè, ‘Oh, ma jolie Sarah’ e ‘Que je t’aimè.

Bradley Cooper a ‘C’è Posta per Te’, lacrime in studio per la storia del papà

Bradley Cooper sbarca a C’è Posta per Te e il pubblico si commuove. Fiumi di lacrime sono state versate ieri sera per la sorpresa che l’attore hollywoodiano ha riservato a Claudia, ragazza che ha perso il suo grande amore a causa di una brutta malattia.
Cooper ha raccontato la sua storia.

bradley-cooper-maria-de-filippi_980x571

La perdità del papà avvenuta 5 anni fa a causa di un cancro. Parole commoventi e lacrime in studio. Poi i tre regali destinati alla ragazza: un orologio, donato a Claudia per ricordare i tempi passati insieme alle persone care, un tatuaggio non definitivo per entrambi, per non dimenticare questa serata, e una polaroid per immortalare il loro incontro.
La presenza in studio di Bradley Cooper non ha solamente commosso il pubblico presente in studio. Moltissimi sono stati i commenti degli spettatori da casa che hanno affidato a Twitter il loro pensiero: tra lacrime di emozione per le parole pronunciate dall’attore fino a numerosi apprezzamenti del pubblico femminile.

Laura Pausini vicina a Bublé nella malattia del figlio: “Sìì forte piccolino”

Vicina al dolore e alla famiglia di Michael Bublé. Laura Pausini ha mandato un messaggio di coraggio dalla sua pagina Facebook al suo collega e amico Bublé dopo la drammatica notizia della malattia de figlio Noah di soli 3 anni.

pausinibuble21 La notizia è rimbalzata su tutti i siti e ha colpito molto l’opinione pubblica, ma non solo. «Io e la mia famiglia mandiamo tutto il nostro amore e le nostre preghiere a Noah, figlio di 3 anni di Luisana e Michael Bublé, nella sua battaglia contro il cancro. Sii forte piccolino», queste sono state le parole di Laura.
La cantante ha anche lavorato con Bublé in passato e la notizia l’ha particolarmente sconvolta da collega, ma soprattutto da amica e da mamma.

Shannen Doherty balla dopo la chemioterapia, l’ex Brenda di Beverly Hills 90210 è malata di cancro al seno

«Il trucco è muoversi per far uscire le tossine della chemioterapia». E’ il credo di Shannen Doherty, l’ex Brenda di Beverly Hills 90210, che ha condiviso sul suo profilo Instagram un video mentre balla insieme alla sua personal trainer il giorno dopo la chemioterapia.

3 (1)

Shannen, senza il turbante, non si vergogna di mostrare che ha perso i capelli a causa del trattamento dopo il cancro al seno, e sprona chiunque si trovi nella sua situazione a non smettere di allenarsi o muoversi. «Ero stanca, avrei voluto essere a letto, invece sono andata e mi sono mossa e sentita molto meglio – scrive – Ogni tipo di esercizio durante la malattia fa bene». Shannen si è ammalata di cancro nel 2015 e da allora sta lottando contro il progredire del tumore.