“Stuprata a 19 anni dal cantante dei Backstreet Boys: gli dissi che ero vergine, ma lui non mi ascoltava”

Il cantante dei Backstreet Boys Nick Carter è stato accusato di stupro da una ex componente del gruppo Dream. Melissa Schuman, che oggi ha 33 anni, sostiene che Carter l’ha aggredita sessualmente quando lei aveva 19 anni e lui 22.

who-is-melissa-schuman-what-are-her-rape-allegations-against-backstreet-boys-nick-carter-and-what-are-her-biggest-songsIl cantante ha smentito e asserito che il rapporto è stato consensuale. La Schuman sostiene invece che Carter l’ha portata in un bagno durante una festa, costringendola a un rapporto orale, poi l’ha trascinata in camera da letto e l’ha stuprata.  «Gli dissi che ero vergine e che non volevo fare sesso con lui – ha scritto la donna in un blog -. Gli ho detto che volevo conservarmi intatta per il mio futuro marito. L’ho ripetuto mille volte, ma lui mi sussurrava all’orecchio che quel marito avrebbe potuto essere lui».

Dustin Hoffman accusato di molestie sessuali: palpeggiò una 17enne. L’attore si scusa

Nuovo scandalo ad Hollywood per molestie sessuali. Questa volta ad essere accusato di abusi è Dustin Hoffman.

Hoffman-screenshotIn un articolo su Hollywood Reporter Anna Graham Hunter scrive che quando era stagista sul set di ‘Morte di un commesso viaggiatore’ nel 1985 e aveva 17 anni, Dustin Hoffman la molestò. L’attore risponde scusandosi e affermando che quelle azioni «non riflettono chi io sono».
L’accusa «Oggi, quando stavo accompagnando Dustin alla sua limousine, mi ha toccato il sedere quattro volte. L’ho colpito ogni volta, forte, e gli ho detto che era un maiale», si legge nel suo resoconto dell’epoca. L’attore ha risposto all’articolo della Hunter con una dichiarazione di scuse. «Ho il massimo rispetto delle donne e mi dispiace terribilmente che qualsiasi cosa io possa aver fatto possa averla messa in una situazione spiacevole. Mi dispiace. Non riflette ciò che sono», ha dichiarato Hoffman.

Gigi D’Alessio picchiò i paparazzi: chiesti tre anni per il cantante

La Procura di Roma ha chiesto una condanna a tre anni di carcere per il cantante Gigi D’Alessio, accusato di rapina. Si tratta una vicenda che risale all’11 gennaio del 2007: una lite scoppiata fuori l’abitazione dell’artista tra lo stesso D’Alessio, il suo assistente e due fotografi che cercarono di immortalare la sua residenza.

1472718001228.jpg--gigi_d_alessio_e_finito_sul_lastrico___non_ho_piu_un_soldo__ecco_cosa_faro_adesso_A chiedere la condanna il pm Cristiana Macchiusi davanti ai giudici della prima sezione penale. La sentenza è attesa per il 22 giugno. Nel corso della scorsa udienza D’Alessio, difeso dall’avvocato Francesco Compagna, si era difeso negando la rapina: «Non è certo mia abitudine litigare, ero a casa mia all’Olgiata e fui avvertito dai custodi che erano stati allontanati due paparazzi che cercavano di fotografare la mia abitazione. Loro si misero di fronte a casa mia, appostandosi sulla braccianese da dove si vede bene la mia casa».
D’Alessio ha aggiunto che «di fronte alla loro insistenza, decise di affrontarli uscendo da casa assieme al suo assistente, volarono delle parole grosse quando incontrò i due paparazzi. Ci fu anche una colluttazione: »io chiedevo le fotografie ma mi dissero che non avevano fotografato nulla. Le macchine fotografiche – ha concluso – non le presi per impadronirmene ma furono i fotografi a consegnarmele per dimostrare che non avevano fatto foto. I borsoni con gli apparecchi li diedi poi ai carabinieri che hanno fatto un regolare verbale«.

Alanis Morissette fa causa allʼex manager

Alanis Morissette ha fatto causa contro al suo ex manager. Il motivo? La cantante canadese sostiene che le abbia sottratto quasi cinque milioni di dollari dai suoi guadagni. Ha così intrapreso un’azione legale nei confronti di Jonathan Schwatz e afferma che il manager abbia “violato la sua fiducia” rubando i soldi dal suo conto bancario.

Alanis-Morissette-alanis-morissette-3356834-400-383

E il risarcimento richiesto è di 15 milioni di dollari.Le carte sono state depositate presso la corte superiore della contea di Los Angeles. Schwartz è stato accusato di aver convinto la Morissette di essere in una “tremenda condizione finanziaria”, trascinandola su una “strada che avrebbe potuto rovinare le sue finanze”. L’uomo è stato direttore commerciale della star dal 2009 al 2016. Oltre al manager, è stata citata in giudizio anche la sua Gso Business management, per frode e negligenza.